Sei qui: Home » Società » Nuovo Decreto Legge, cosa si potrà fare e cosa no a Natale e Capodanno
il nuovo Decreto legge

Nuovo Decreto Legge, cosa si potrà fare e cosa no a Natale e Capodanno

Presentate da Conte le misure che a partire da oggi verranno adottare in Italia durante le festività. Ecco il nuovo Decreto Legge

Presentato ieri sera il nuovo Decreto Legge in vista delle festività natalizie. Dal 24 dicembre al 6 gennaio l’Italia sarà zona rossa nei giorni festivi e prefestivi e zona arancione nei giorni lavorativi. “E’ una decisione non facile, sofferta: dobbiamo rafforzare il regime di misure necessarie per cautelarci meglio anche in vista della ripresa delle attività di gennaio”. Lo dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Il nuovo Decreto Legge

“Le misure del governo hanno funzionato grazie alla responsabilità dei cittadini. E’ un metodo che ci ha evitato il lockdown generalizzato. Siamo partiti con il metodo a zone con RT a 1.7 e lo abbiamo riportato a 0.86, tanto che nei prossimi giorni tutte le Regioni possono diventare zona gialla” sottolinea Conte.

Cosa si potrà fare durante i festivi

Ecco le misure previste nel nuovo Decreto Legge. “Ragioniamo per una zona rossa nel periodo dal 24 dicembre al 6 gennaio nei giorni festivi e prefestivi. Si esce di casa solo per ragioni di lavoro, necessità e salute. E’ possibile ricevere nella propria abitazione fino a 2 persone non conviventi con eventualmente i propri figli minori di 14 anni. E’ una misura che abbiamo pensato per consentire quel minimo di socialità che si addice a questo periodo”. Afferma il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa.

“L’intero territorio nazionale sarà zona arancione il 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio. In questi giorni ci si potrà spostare esclusivamente all’interno del proprio comune senza giustificarne il motivo. Per venire incontro a comuni fino a 5000 abitanti fino a 30 km ma non nei capoluoghi di provincia. Rimangono chiusi bar e ristoranti tranne che per asporto e consegne a domicilio. I negozi saranno aperti fino alle 21”.

“Nei giorni da zona rossa saranno chiusi i “centri estetici, bar e ristoranti. Saranno invece aperti supermercati, negozi di alimentari, di prima necessità, farmacie e parafarmacie, parrucchieri e barbieri”. “Un sistema liberaldemocratico non manda la Polizia in casa, a meno che non ci una flagranza di reato. Noi non entriamo nelle case degli italiani, è un decreto concepito come limite alla circolazione. Si esce con l’autocertificazione” ribadisce Conte.

Dpcm e decreto legge Covid, ecco come sarà il Natale 2020

Dpcm e decreto legge Covid, ecco come sarà il Natale 2020

Il decreto legge Covid conferma la stretta del governo sulle festività per evitare una terza ondata. Conte ha presentato il nuovo Dpcm, valido dal 4 dicembre, che conferma lo stop alle lezioni in presenza alle superiori fino al 7 gennaio.

La didattica in presenza

Così il premier Conte conclude la presentazione del nuovo Decreto Legge in vigore da oggi. “La pandemia ci sta insegnando, tra le lezioni, che dobbiamo mantenerci sempre pronti a intervenire. Abbiamo programmato al momento un recupero della didattica in presenza al 7 gennaio. Nel corso del Cdm c’è stata una pausa durante la quale i ministri Azzolina, Boccia, e De Micheli mi hanno informato che i tavoli presso i prefetti stanno funzionando molto bene, con sinergia. Questo ci dà maggiore fiducia per la ripresa in presenza a gennaio.”

 

© Riproduzione Riservata