Lo sfogo sui social

Michela Murgia, “Grazie a chi ha fatto passare i sardi per untori”

La celebre scrittrice sarda interviene sui social per difendere i propri corregionali dopo che la Sardegna era stata ingiustamente indicata come regione focolaio
Michela Murgia, "Grazie a chi ha fatto passare i sardi per untori"

“Grazie a chi per un mese ci ha fatti passare per una regione di untori, mentre gli untori veri arrivavano con gli aerei privati…” Inizia così l’intervento di Michela Murgia sulla sua pagina facebook per commentare i tamponi negativi effettuati a fine agosto sugli addetti delle strutture turistiche della Costa Smeralda. L’annuncio dell’Unità anticrisi dopo i test nei principali resort della zona.

 

Comportamenti irresponsabili

Qualcuno, dopo che la Sardegna era stata indicata come regione focolaio dopo i diversi casi di positività al coronavirus registrati tra coloro che da turisti hanno trascorso le vacanze sull’isola. La scrittrice punta il dito contro i comportamenti irresponsabili e la violazione delle regole di alcuni specifici ambienti frequentati da celebrità. “Gli untori veri arrivavano con gli aerei privati (non coi barconi dei disperati), se ne fottevano del distanziamento e delle mascherine e con disprezzo mettevano a rischio il fragile sistema sanitario sardo.”

Danni per il turismo della Sardegna

La verità, purtroppo, è arrivato una volta che il danno al settore turismo della regione Sardegna oramai era compiuto. Per i sardi, che al nord dell’isola vivono di turismo, il danno economico di essere ingiustamente passati per una regione di untori è stato enorme. Sono stati diversi infatti gli eventi internazionali cancellati, le prenotazioni disdette e i locali chiusi anticipatamente sulla stagione. “Ora la verità è chiara – conclude Michela Murgia – ma intanto centinaia di persone hanno visto sfumare l’unico periodo dell’anno in cui potevano lavorare. Parlatemi ancora di Briatore e della sua grande capacità imprenditoriale, dai.”

© Riproduzione Riservata
Commenti