sicurezza a lavoro

Emergenza coronavirus, come garantire la sicurezza nelle aziende

Sicurezza nei luoghi di lavoro: ecco una serie di indicazioni operative da attuare negli ambienti di lavoro non sanitari, nel rispetto della tutela della salute
Emergenza coronavirus, come garantire la sicurezza nelle aziende

Sicurezza: considerata l’evoluzione dello scenario epidemiologico e la crescente diffusione della pandemia di COVID-19, sono state fornite una serie di indicazioni operative da attuare negli ambienti di lavoro non sanitari, nel rispetto della tutela della salute nei luoghi di lavoro ai sensi del D. Lgs. 81/08.

I principali destinatari di queste indicazioni sono, come si può immaginare, i Datori di Lavoro, in quanto responsabili della salute e della sicurezza dei lavoratori. Tuttavia, trattandosi di un rischio biologico che tocca direttamente l’intero Paese. si richiede il coinvolgimento di tutte le figure all’interno dell’unità produttiva: dipendenti, collaboratori, clienti e fornitori esterni.

Quali sono le responsabilità del Datore di Lavoro?

Il Datore di Lavoro, ai sensi dell’art. 37 del D. Lgs. 81/08, deve assicurarsi che ciascun lavoratore riceva una formazione adeguata relativa al rischio biologico legato al Coronavirus. Inoltre deve assicurarsi che sia opportunamente istruito sulle misure e procedure di prevenzione e protezione da attuare in questa situazione.

Deve poi provvedere all’aggiornamento del Documento di Valutazione dei Rischi alla luce della nuova emergenza COVID-19, rielaborandolo con le indicazioni per la tutela della salute della salute dei luoghi di lavoro.

Misure generali nei luoghi di lavoro

  • Favorire, per tutti i casi possibili, il lavoro agile, per limitare gli spostamenti per i lavoratori e l’assembramento in Azienda;
  • Vietare o sospendere qualsiasi attività in Azienda che comporti aggregazione di persone;
  • Esporre, in più punti, cartelli riportanti le misure generali di prevenzione, come le Misure igienico-sanitarie all’Allegato 1 DPCM 08/03/2020;
  • Mettere a disposizione dei lavoratori soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani ed esporre nei bagni, dotati di acqua e sapone, e in corrispondenza di questi dispenser, le indicazioni ministeriali sul corretto lavaggio delle mani;
  • Incrementare la frequenza della pulizia delle superfici e degli oggetti condivisi con semplici disinfettanti;
  • Garantire sempre la distanza di sicurezza di almeno 1 metro e implementarla, nel caso, con Dispositivi di Protezione Collettiva come vetrate, barriere ecc.;
  • Introdurre procedure per limitare al massimo gli spostamenti all’interno dell’azienda e contingentare l’accesso agli spazi comuni

Indicazioni per dipendenti e collaboratori

  • Evitare l’ingresso in azienda se si hanno sintomi influenzali (effettuare il controllo della temperatura corporea in ingresso, se superiore a 37,5° il lavoratore va dotato di mascherina e messo momentaneamente in isolamento);
  • Evitare l’accesso in azienda se si sono avuti contatti con persone in quarantena e/o in isolamento precauzionale o se si sono avuti contatti con un caso sospetto o confermato di Coronavirus;
  • Lavarsi accuratamente e frequentemente le mani;
  • Coprirsi bocca e naso in caso di starnuto o tosse con l’interno del gomito o con un fazzoletto monouso (da gettare immediatamente dopo l’utilizzo) e lavarsi poi le mani.

Clienti e fornitori esterni

  • È vietato entrare all’interno dell’Azienda per recarsi alla postazione del personale; si dovrà obbligatoriamente attendere presso l’ingresso / reception in attesa di ricevere assistenza osservando sempre e comunque le misure di sicurezza consigliate (distanza minima, evitare contatti fisici, ecc.);
  • I Clienti che si recassero in Azienda solo per consegnare documenti/pacchi, potranno depositarli se possibile su un apposito supporto posto al di fuori dell’Azienda; il personale addetto provvederà poi a prelevarli in sicurezza.

La formazione non si ferma

In questo periodo di disposizioni restrittive, la formazione non si ferma e anzi può essere un’occasione per formarsi e aggiornarsi in materia di salute  e sicurezza nei luoghi di lavoro, approfittando della didattica a distanza, ormai diventata fondamentale per garantire il diritto all’istruzione.

Nasce così il servizio #TommasoBaroneC’è!: un’opportunità per tutti quei Dirigenti Scolastici che vogliono formare il proprio personale scolastico, attivando i corsi di formazione LIVE a distanza. Per farlo basterà un profilo Facebook, un pc, smartphone o tablet e connettersi alla Pagina Facebook di Tommaso Barone. Per rimanere aggiornato è possibile seguire la Pagina oppure per maggiori informazioni scrivere a [email protected].

© Riproduzione Riservata
Commenti