L'uccisione di Hevrin Khalaf

Chi era l’attivista Hevrin Khalaf, una vita per la pace in Siria

Trentacinque anni e una laurea in ingegneria militare, Hevrin Khalaf era diventata il volto del dialogo e dell'emancipazione delle donne in Siria
Chi era Hevrin Khalaf, una vita per la pace in Siria

Trentacinque anni, curda, Hevrin Khalaf ha dedicato la sua vita alla difesa dei diritti civili e umani e alla pace tra le diverse comunità siriane. Sabato 12 ottobre è stata uccisa crudamente per strada, lasciando la Siria orfana di una delle sue portavoci più forti e apprezzate. Ieri nella cittadina di Derek, sul confine tra Siria e Iraq, si è celebrato il suo funerale, con tutti gli onori.
Si stava dirigendo ad Hasakah con alcuni attivisti del suo nuovo partito di cui era anche segretaria generale, il “Partito Siriano del Futuro”. La sua automobile è stata presa di mira a colpi di mitra, per poi lei stessa essere trascinata per strada, forse stuprata, e poi lapidata.

Il Presidente del Parlamento Europeo Davide Sassoli ha dichiarato: “la sua uccisione, opera di terroristi islamisti, più attivi dopo l’invasione dei territori curdi da parte della Turchia, è un orrore su cui la comunità internazionale dovrà andare fino in fondo”.

LEGGI ANCHE: “A tutte le donne e ai popoli del mondo che amano la libertà”, la lettera delle donne curde al mondo

La donna che era amata da tutte le comunità siriane

Hevrin Khalaf aveva solo 35 anni quando sabato 12 ottobre è stata uccisa a colpi di sassate. Attivista per la difesa dei diritti civili, Hevrin era una donna forte che non indugiava su nulla, pronta a battersi e a lottare per la pace. Proprio per questa sua missione, era amata da tutte le comunità della Siria: la lotta per la coesistenza pacifica tra curdi, cristiano-siriani e arabi era il suo credo e il suo desiderio.
Imparò l’inglese da molto giovane e si laureò in ingegneria civile, sempre molto impegnata ad aiutare le donne nel suo Paese.
Era nota anche per la sua bravura diplomatica, che le ha permesso di essere molto attiva con i diplomatici americani ed europei.
Il 5 ottobre aveva pronunciato un discorso contro Ankara, rivendicando il ruolo svolto dalle forze democratiche siriane nella liberazione del Nord Est della Siria dai gruppi terroristici.

Hevrin Khalaf è il volto del dialogo e dell’emancipazione delle donne in Siria

Davide Sassoli

 

© Riproduzione Riservata