Sei qui: Home » Società » Afghanistan, Khaled Hosseini: “Il popolo afghano non lo merita”
il commento

Afghanistan, Khaled Hosseini: “Il popolo afghano non lo merita”

Lo scrittore nato a Kabul ha commentato gli ultimi tristi sviluppi legati alla conquista talebana dell'Afghanistan, sua terra d'origine.

Dopo che i talebani sono entrati nella città di Kabul e hanno preso il controllo dell’Afghanistan dopo mesi di scontri sanguinosi da quando le truppe straniere hanno iniziato a lasciare il paese devastato dalla guerra, il celebre scrittore afghano residente negli Stati Uniti Khaled Hosseini ha affermato che il popolo del paese non meritava la situazione nazione sta attualmente affrontando.

Khaled ha twittato: “Il popolo afghano non lo merita”.

 

Lo scrittore di “Mille splendidi soli” ha scritto su Twitter: “La decisione americana è stata presa. E l’incubo temuto dagli afgani si sta rivelando davanti ai nostri occhi. Non possiamo abbandonare un popolo che ha cercato la pace per quarant’anni. Le donne afgane non devono essere costrette a languire di nuovo dietro porte chiuse e tende tirate”

 

 

Hosseini e il legame con l’Afghanistan

Nato a Kabul, Khaled Hosseini si è trasferito negli Stati Uniti nel 1980. Suo padre era un diplomatico del ministero degli Esteri afghano e sua madre insegnava farsi e storia in una scuola superiore a Kabul. Nel 1976 la Farnesina trasferì la famiglia Hosseini a Parigi. Erano pronti a tornare a Kabul nel 1980, ma a quel punto la loro patria aveva assistito a un sanguinoso colpo di stato comunista e all’invasione dell’esercito sovietico. Gli Hosseini cercarono e ottennero asilo politico negli Stati Uniti e nel settembre 1980 si trasferirono a San Jose, in California.

La reazione di Malala

Anche Malala Yousafzai, premio Nobel pakistano, ha espresso la sua angoscia e ha twittato: “Guardiamo completamente scioccati mentre i talebani prendono il controllo dell’Afghanistan. Sono profondamente preoccupato per le donne, le minoranze e i difensori dei diritti umani. I poteri globali, regionali e locali devono chiedere un cessate il fuoco immediato, fornire aiuti umanitari urgenti e proteggere i rifugiati e i civili”.

 

La situazione in Afghanistan

I ribelli talebani sono entrati a Kabul domenica dopo la fine di scontri e settimane di violenza in varie parti della nazione. Dopo il loro ingresso nella capitale, il presidente afghano Ashraf Ghani è fuggito dal Paese. Secondo quanto riferito, i talebani hanno ora preso il controllo del palazzo presidenziale. La scorsa notte, migliaia di afghani hanno passato la notte all’aeroporto di Kabul mentre la città è in preda al caos dopo la conquista della capitale da parte dei talebani. L’agenzia Tolo news ha diffuso sui social un video che mostra una folla di persone sulle piste dell’aeroporto che tentano di imbarcarsi sui voli internazionali. Nell’aeroporto di Kabul, inoltre, le truppe statunitensi hanno sparato colpi in aria all’aeroporto di Kabul mentre migliaia di afgani hanno affollato l’asfalto cercando di prendere un volo dall’Afghanistan. 

© Riproduzione Riservata