Maturità

Maturità 2019, ecco la simulazione di seconda prova

Maturità, oggi la simulazione di seconda prova. Introdotta la multidisciplinarietà: latino e greco al classico, matematica e fisica allo scientifico
Maturità 2019, ecco la simulazione di seconda prova

MILANO – Alle 8.30 di giovedì 28 febbraio il MIUR ha reso disponibili le simulazioni di seconda prova del nuovo esame di maturità, così che studenti e docenti possano iniziare a familiarizzare con le novità introdotte dal ministro Bussetti.

Cosa è cambiato

È stata introdotta la temutissima multidisciplinarietà, annunciata dal ministro Bussetti lo scorso 18 gennaio con il decreto legislativo numero 61/2017. Fino all’anno scorso, la seconda prova affrontava una delle materie di indirizzo, tendenzialmente con un’alternanza regolare anno per anno: per il classico, un anno latino e un anno greco, per lo scientifico un anno matematica e un anno fisica. Ora cambia tutto, la seconda prova sarà multidisciplinare, sarà divisa in più parti e consentirà agli studenti di affrontare entrambe le materie in un’unica prova. Le altre novità introdotte dalla riforma sono l’eliminazione della terza prova, e l’introduzione di griglie di valutazione nazionali e unitarie, già diffuse dal ministero. Saranno effettuate altre due simulazioni prima dell’esame di maturità (19 e 20 giugno): una simulazione di prima prova il 26 marzo, e una di seconda prova il 2 aprile.

Leggi anche: Le tracce di simulazione di prima prova 2019

Tacito al classico

Una simulazione che si prospetta difficile per gli studenti del classico: la versione di latino è “La morte di Seiano”, un brano tratto dagli Annales di Tacito, autore noto per l’oscurità della sua sintassi. A seguire ai maturandi è proposto un brano in greco di Cassio Dione, con traduzione a fronte, che affronta il medesimo tema della morte di Seiano. Nella terza parte della prova gli studenti dovranno rispondere a tre domande aperte di comprensione del testo, analisi strutturale e retorica, commento e confronto tra i due brani.

Matematica e fisica allo scientifico

Per gli studenti del Liceo Scientifico la seconda prova sarà divisa in due parti. Il candidato dovrà scegliere uno tra due problemi di matematica, risolverlo e rispondere a quattro quesiti relativi al problema. È stata poi ridotta la parte di domande teoriche: da cinque a quattro. Infine, la parte di Fisica sarà composta da quattro problemi.

© Riproduzione Riservata