Maturità 2019, la novità della prova orale

La maturità 2019, oltre alle varie novità della prima prova e della seconda prova mista, presenta dei cambiamenti anche nella prova orale
Maturità 2019, la novità della prova orale

MILANO – La maturità quest’anno mostra varie novità rispetto agli anni passati: a partire dalla prima prova di italiano, alla seconda prova mista, alla prova orale che non prevede più la stesura e l’esposizione della propria tesina. Dopo le varie simulazioni, gli studenti di tutte le scuole superiori di Italia si sono tranquillizzati riguardo alle varie novità, tranne a quelle relative alla prova orale.

LEGGI ANCHE: Maturità 2019, ecco come cambierà l’esame di Stato

Le tre buste

Nonostante da quest’anno il punteggio dell’orale della maturità valga meno rispetto agli anni passati ( 20 è il punteggio massimo, mentre prima valeva 30 punti), la prova dell’orale spaventa ancora molto a causa delle temute tre buste davanti a cui l’esaminando si troverà davanti. Infatti durante la prova orale l’alunno ha l’obiettivo di dimostrare la sua capacità a instaurare collegamenti tra le varie discipline partendo dai materiali messi a disposizione dalla commissione d’esame, contenuti appunto nelle fatidiche tre buste. Lo studente sceglierà una busta tra tre e in base al suo contenuto, che può essere una poesia, un’opera d’arte, una foto, una tabella, un grafico, una cartina etc., comincerà il suo discorso, cercando di passare da una disciplina all’altra in modo fluido.
Il materiale delle buste viene deciso dalla commissione in base al documento firmato dal consiglio di classe il 15 maggio in merito al preciso programma svolto in classe. Le buste preparate saranno quanto sono gli alunni più due, in modo tale che anche l’ultimo alunno esaminato potrà scegliere tra tre buste.

L’elaborato sull’alternanza scuola-lavoro

Oltre alla prova delle tre buste, l’esaminando dovrà preparare e esporre una tesina sulla sua esperienza dell’alternanza scuola-lavoro, riflettendo anche sul significato dell’esperienza nel momento post-diploma.
Poi, e infine, l’esame prevede una parte dedicata alle competenze di Cittadinanza e Costituzione.

© Riproduzione Riservata