A Milano gli studenti ricevono borracce di alluminio

Beppe Sala vuole distribuire a settembre agli alunni delle scuole elementari e medie del comune di Milano borracce di alluminio
A Milano gli studenti ricevono borracce di alluminio

MILANO – Gli studenti della città di Milano a settembre riceveranno delle borracce di alluminio. La proposta deriva da Beppe Sala, il sindaco della città che ha deciso di puntare molto sul fronte ambientale e sulla lotta alla plastica usa e getta. Così si inizia dai più piccoli per diffondere il rispetto e l’importanza di salvaguardare il nostro pianeta.

LEGGI ANCHE: La guida pratica per eliminare la plastica dalla propria vita

La lotta alla plastica

Si tratta della prima iniziativa visibile del nuovo corso dell’amministrazione milanese che ha intenzione di puntare molto sulla lotta alla plastica usa e getta e di investire sull’educazione e sul rispetto dell’ambiente. Per questo motivo la giunta comunale ha creato l’assessorato alla Transizione ambientale. È proprio da questi propositi che a settembre i ragazzi delle scuole elementari e delle scuole medie di Milano riceveranno delle borracce di alluminio. È un gesto simbolico, ma non solo: infatti si vuole dare l’esempio intervenendo praticamente con delle azioni. Basta un piccolo gesto per iniziare ad eliminare la plastica usa e getta dalle proprie vite. Per realizzare il progetto, Beppe Sala sta coinvolgendo delle aziende che potrebbero essere Aza o Mm, per la sponsorizzazione delle borracce.

Un progetto ampio

Saranno gli assessori in persona a consegnare le borracce agli studenti durante un piccolo cerimoniale in cui verrà spiegato a loro il progetto. Il messaggio è quello secondo cui con un semplice gesto si possono abolire i distributori automatici che hanno solo confezioni di plastica per le bevande. Ma il progetto del sindaco Beppe Sala non si ferma alle scuole. Infatti vuole aprire un tavolo di confronto per poter ideare e sviluppare azioni concrete per ridurre il consumo di plastica. A fronte di quello che sta succedendo nel mondo, Milano non può non assumere precauzioni su questo fronte.

© Riproduzione Riservata