Sei qui: Home » Poesie » Sorridi, una poesia di Chaplin per ritrovare positività e combattere il Blue Monday

Sorridi, una poesia di Chaplin per ritrovare positività e combattere il Blue Monday

Sorridi è una poesia di Charlie Chaplin, regista e attore rivoluzionario dei primi anni del ‘900. La sua filosofia di vita sta proprio nel sorriso, teso a migliorare ognuno di noi.

Oggi è il Blue monday, il giorno più triste dell’anno. Una ricerca scientifica di qualche anno fa, basandosi su delle statistiche, ha affermato che il 3 lunedì dell’anno sia il più triste di tutti. Così, condizionati un po’ da questo, ci svegliamo un po’ demotivati e negativi… Tanto, abbiamo una scusa, no?

Eppure c’è una poesia di Charlie Chaplin, intitolata proprio “sorridi”, ed una poesia perfetta per cogliere quello che di positivo, ottimistico, buono, luminoso e speranzoso potrebbe esserci anche in una giornata come questa.

blue-monday

Blue Monday, 5 libri per affrontare il giorno più triste dell’anno

Si dice che oggi sia il giorno più triste dell’anno, ma con i libri tutto si può affrontare…

Sorridi nonostante tutto

Charlie Chaplin ha fatto del sorriso il filo conduttore della sua filosofia cinematografica. La sua intera produzione si basa proprio sulla capacità di far ridere e riflettere nello stesso momento. Chaplin era un uomo dedito alla vita. In questa poesia, elenca una serie di motivazioni che potrebbero farci perdere la speranza o la positività ma che, invece, grazie al sorriso, ci potrebbero aiutare ad andare avanti. Sì, perché per lui, nella vita, si va avanti solo se si sa sorridere. Sorridere attraverso la paura e il dolore, come scrive Chaplin, perché solo così potremo scoprire il domani.

L'origine del Blue Monday e le espressioni in giro per il mondo

L’origine del Blue Monday e le espressioni legate al giorno più triste dell’anno

Dal “día de bajón” a “montags-auto”, Babbel ha raccolto alcune curiosità ed espressioni tipiche del Blue monday che indicano la malavoglia del lunedì

Anche in mezzo alle lacrime, al dolore che ci segna la faccia, vale sempre la pena di sorridere. Almeno di provarci, di provarci ancora, così da capire che i giorni passano e la vita va vissuta a pieno. Sorridi, sorridi, sorridi, ripete scrivendo insistentemente Chaplin. Perché questo è il motore di tutto, la speranza e la positività. Perciò anche se oggi è scientificamente il giorno più triste dell’anno, tu, sorridi.

La poesia “Sorridi” di Charlie Chaplin

Sorridi, anche se il cuore ti duole
sorridi, anche se si sta spezzando
quando ci sono nuvole nel cielo
ci passerai sopra
se sorridi attraverso
la tua paura e al dolore
sorridi e forse domani
scoprirai che la vita vale ancora
la pena di essere vissuta
se tu solo sorridi
illumini il tuo viso di tristezza
e nascondi ogni traccia di contentezza
ma anche se una lacrima sta per scendere
è quello il momento in cui devi
continuare a provare
sorridi, a che serve piangere?
scoprirai che la vita vale ancora
la pena di essere vissuta
se tu solo sorridi
anche se il cuore ti duole
sorridi, anche se si sta spezzando
quando ci sono nuvole nel cielo
ci passerai sopra
se sorridi attraverso
la tua paura e al dolore
sorridi e forse domani
scoprirai che la vita vale ancora
la pena di essere vissuta
se tu solo sorridi
è il momento in cui devi continuare
a sorridere, a che serve piangere?
scoprirai che la vita vale ancora
la pena di essere vissuta
se tu solo sorridi.

 

Stella Grillo

© Riproduzione Riservata