Sei qui: Home » Poesie » “Bacio che sopporti il peso”, la poesia d’amore della Merini
poesie d'amore

“Bacio che sopporti il peso”, la poesia d’amore della Merini

Alda Merini rimane una delle poetesse più amate e ricordate di sempre. Questa sua poesia dedicata al bacio è un inno alla sensibilità femminile, intrisa di passione e arte.

“Bacio che sopporti il peso” è una delle poesie più brevi ma più significative di Alda Merini. La sua capacità nel saper cogliere il profondo anche nelle cose più semplici, si rivela anche e soprattutto in questo breve componimento. Dopo la sua morte, nel 2009, Alda Merini ci ha lasciato un vuoto immenso, che oggi colmiamo ricordando e amando sempre di più le sue parole. Lei che della diversità ne ha fatto la sua arma vincente, che della malattia ne ha fatto il mezzo artistico più potente.

Le poesie d'amore più belle di Alda Merini

Le poesie d’amore più belle di Alda Merini

Alda Merini è la poetessa italiana più amata. I suoi versi d’amore commuovono ed emozionano milioni di generazioni. Ecco le sue poesie più belle sull’amore

Il mondo dentro un bacio

Cos’è un bacio? Cosa c’è dietro ad un gesto così semplice, naturale, quotidiano? Alda Merini, come con un lente di ingrandimento, analizza ciò che per lei è. Un momento, breve, intenso, che come ella scrive “sopporta il peso dell’anima” . Ovvero, in grado di avvolgere totalmente il volume di un’anima complessa come la sua. Il bacio diventa un gesto in grado di condensare passioni, pensieri, pulsioni, sentimenti, in pochissimo tempo.

La poesia, ciò che la Merini chiama “discorso”, è vista come un “mondo”. Un mondo in grado di prendere forma e diventare suono e paura. Suono, parole, per il suo potersi esprimere, finalmente, e paura perché la paura in realtà è il sentimento che ci accompagna sempre, che ci fa sentire frangibili e vulnerabili. E quando un bacio diventa un piccolo gesto in grado di metterci a nudo, essere vulnerabili è la condizione principale in cui possiamo trovarci.

Il bacio e l'amore nella poesia e nei versi dei grandi autori

Il bacio e l’amore nella poesia, “l’eternità breve” nei versi dei grandi autori

Lo scrittore Dario Pisano ci conduce in un viaggio alla scoperta di alcune delle poesie d’amore più belle dove il bacio è protagonista

Alda Merini e il desiderio di libertà

Alda Merini (1931 – 2009) è stata una poetessa e scrittrice italiana, una delle autrici più tormentate del panorama nazionale degli ultimi cento anni e oltre. La Merini esordì giovanissima, a soli 15 anni, sotto la guida di Giacinto Spagnoletti che scoprì il suo talento artistico. Nel 1947 fu internata per la prima volta in una clinica, dopo l’incontro con “le prime ombre della sua mente”. Da lì in avanti la sua lunga vita fu caratterizzata da ricoveri in case di cura, da periodi di solitudine e di silenzio. Nonostante le difficoltà psichiche, la Merini è riuscita a lasciare ai posteri un’intensa e ricchissima produzione. Non solo versi, ma anche aforismi e libri in prosa.

Alda Merini è una poetessa, una donna che non si può descrivere con poche parole. La sua poetica è così vasta, profonda, intima, tanto che ha saputo raccontare dell’amore, dell’essere donna, degli uomini, della sua città, della pazzia. Da sempre anticonvenzionale, lontana dal voler essere imprigionata da etichette e da qualsiasi status sociale, Alda Merini si è prefissata di essere libera. Forse è questo il dono più bello che le poesie ci hanno lasciato: il desiderio di libertà.

Bacio che sopporti il peso, la poesia

Bacio che sopporti il peso
della mia anima breve
in te il mondo del mio discorso
diventa suono e paura.

© Riproduzione Riservata