Sei qui: Home » Poesie » “Acqua” di Gabriele d’Annunzio, una poesia sulla vitalità della natura
Poesia sull'Acqua

“Acqua” di Gabriele d’Annunzio, una poesia sulla vitalità della natura

Il 22 Marzo è giornata mondiale dell'acqua. Per celebrarla ricordiamo "Acqua", una poesia di Gabriele d'Annunzio.

Il 22 Marzo è la giornata Mondiale dell’acqua,  istituita dalle Nazioni Unite nel 1992.  In questa giornata, di ogni anno, gli Stati che siedono all’interno dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sono invitati alla promozione dell’acqua promuovendo attività concrete nei loro rispettivi Paesi. Per celebrare questo bene così prezioso, leggiamo una poesia di Gabriele d’Annunzio intitolata proprio “Acqua”. Una poesia che ci fa comprendere il “panismo” del poeta, la sua volontà di immedesimarsi con la natura e con l’ambiente circostante.

 

Gabriele D’annunzio e la natura

Quando parliamo di Gabriele d’Annunzio parliamo anche e soprattutto di panismo. Con questo ultimo termine, si indica la condizione di “fusione”, o profonda immedesimazione, dell’uomo nella natura. In questo modo, anche le cose inanimate, si caricano di vita e significati. D’annunzio considera la natura, e in questo caso l’acqua,  un’entità viva e movimento continuo ( canti e piangi; ridi e muggi; fuggi) e cerca una fusione dei sensi e dell’animo con le forze che la compongono. Così, grazie a questa fusione che il poeta fa con la natura,  la poesia è permeata dal pathos. 

Acqua, la poesia 

Acqua di monte,
acqua di fonte,
acqua piovana,
acqua sovrana,
acqua che odo,
acqua che lodo,
acqua che squilli,
acqua che brilli,
acqua che canti e piangi,
acqua che ridi e muggi.
Tu sei la vita
e sempre sempre fuggi.

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Alda Merini e le iniziative per onorare l’immortale poetessa

“Clima. Come evitare un disastro” Il nuovo libro di Bill Gates

Successivo