Furto a casa Sgarbi, spariti capolavori per oltre 500mila euro

Il noto critico denuncia la scomparsa di libri antichi, manoscritti e disegni. Gli inquirenti indagano nella sua villa
Furto a casa Sgarbi, spariti capolavori per oltre 500mila euro
Libri antichi, manoscritti e disegni, il ricco bottino del furto nella villa ferrarese

MILANO –  Libri antichi, manoscritti e disegni, questo il ricco bottino che i ladri hanno sottratto a casa Sgarbi. Non si ha certezza di quando sia avvenuto il maxi-furto ma il noto critico d’arte sa cosa è sparito  dalla sua villa museo a Ro Ferrarese. I beni sottratti alla sua collezione ferrarese si aggirano intorno ai 500 mila euro.

I CAPOLAVORI SCOMPARSI – Nella denuncia presentata ai Carabinieri di Ferrara figurano come mancanti all’appello un disegno di Giovanni Battista Piazzetta raffigurante San Giuseppe con Gesù Bambino, due manoscritti di Felice Giani, tra cui un taccuino con 140 disegni dell’artista, e altri due libri antichi, di Benvenuto Cellini e di Paolo Mino.

IL MAXI FURTO – Gli inquirenti indagano da ieri nella casa che la scorsa settimana aveva ospitato, fra i tanti, anche Silvio Berlusconi, per il compleanno del papà di Sgarbi. Le indagini del reparto operativo di Ferrara, a cui collabora il Gruppo tutela patrimonio culturale dei Carabinieri, hanno già fatto un sopralluogo a casa Sgarbi alle ricerca di eventuali tracce o impronte.

 

 

© Riproduzione Riservata