Sei qui: Home » Lingua Italiana » 5 curiosità sulla lingua italiana che non tutti conoscono
curiosità

5 curiosità sulla lingua italiana che non tutti conoscono

L’italiano è riconosciuto come una delle lingue più importanti al mondo. Ecco 5 aneddoti legati alla lingua italiana che forse non tutti conoscono.

La lingua italiana si trova “solo” al ventunesimo posto nella classifica delle lingue più parlate nel mondo: sono circa 63 milioni le persone che parlano la nostra stessa lingua. Nonostante questa posizione piuttosto modesta, l’italiano è riconosciuto come una delle più importanti al mondo, grazie alla sua enorme influenza sulla cultura, l’arte, il commercio e l’industria. Vi presentiamo di seguito 5 curiosità sulla lingua italiana che forse non tutti conoscono.

  1. In che modo l’italiano deriva dal latino

A differenza di ciò che si può pensare, soprattutto se si è studiato latino a scuola, l’italiano non deriva non dal latino classico, quello appunto studiato nelle università e adottato dal Vaticano come lingua ufficiale. La nostra lingua deriva dal cosiddetto latino volgare. Il latino parlato, nell’antica Roma da soldati, contadini e abitanti delle province. Dante Alighieri fu il primo a sostenere che il volgare dovesse sostituire il latino letterario, comprensibile solo a pochissime persone, e scrisse addirittura un trattato dedicato a questo tema, il “De vulgari eloquentia”.

Ivano Dionigi,"Il presente non basta", un libro sul latino che tutti gli studenti dovrebbero leggere

Ecco perché il latino è una lingua che ci insegna a vivere ancora oggi

Molto spesso in classe si ripetono a memoria nozioni apparentemente inutili, perché studiare il latino è così importante? Ce lo spiega il Professor Ivano Dionigi

  1. In quali paesi si parla l’italiano

Oltre che dell’Italia stessa, l’italiano è la lingua ufficiale degli stati del Vaticano e di San Marino, del Canton Ticino e del Sovrano Ordine di Malta (da non confondere con Malta). La lingua italiana è una delle lingue ufficiali dell’Unione Europea e ha anche lo status di lingua delle minoranze in tre paesi: Slovenia, Croazia e Brasile. In Italia, tuttavia, per ragioni culturali e geografiche, non si parla solo l’italiano. In Valle d’Aosta, alla lingua francese è riconosciuto uno status ufficiale, come anche al tedesco e al ladino in Trentino-Alto Adige.

  1. Il più antico documento ufficiale scritto in italiano

Ci sono in realtà due scritti che si contendono il diritto di essere riconosciuti come il più antico documento scritto in lingua italiana. Sono l’atto notarile Placito Capuano del 960 e l’iscrizione della catacomba di Commodilla che secondo vari studiosi risale al VI o al IX secolo ed è, secondo alcuni studiosi, il consiglio di non rivelare i propri segreti ad alta voce.

Nasce a Firenze il Museo della Lingua Italiana

Nasce a Firenze il Museo della Lingua Italiana

Il ministro Dario Franceschini ha partecipato questa mattina insieme al sindaco Dario Nardella alla conferenza stampa di presentazione del Museo della lingua italiana di Firenze

 

  1. Quanto è studiata la lingua italiana nel mondo

L’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo. Il record è impressionante date le dimensioni relativamente ridotte del paese. La BBC afferma inoltre che imparare la nostra lingua non è un’impresa impossibile in quanto “In italiano si legge come si scrive […]. La pronuncia è chiara […]. Il vocabolario è simile ad altre lingue di origine latina. […] Anche se alcuni aspetti della lingua possono sembrare difficili all’inizio, basta afferrare alcune semplici regole per essere in grado di comunicare in una varietà di situazioni”.

test lingua italiana

Conosci la lingua italiana? Ecco il test per scoprirlo

Ecco il test per scoprire quanto conosci la lingua italiana. 10 domande che ti faranno capire se conosci tutte le regole della nostra lingua

  1. I dialetti dell’italiano

Dovete sapere che in Italia si parlano così tanti dialetti che secondo l’Enciclopedia Treccani è persino difficile contarli. Per questo motivo gli studiosi hanno pensato di dividere il Paese in tre grandi zone dialettali: una linea immaginaria che va da La Spezia a Rimini separa la zona Nord da quella Centrale, che a sua volta confina con il Sud lungo la linea Roma-Ancona. In effetti, gli scienziati stanno ancora discutendo se considerare i dialetti in quanto tali o come lingue a sé stanti.

 

 

 

© Riproduzione Riservata