Sei qui: Home » Lingua Italiana » Le 10 parole più usate in questi giorni legate alla guerra in Ucraina
parole di guerra

Le 10 parole più usate in questi giorni legate alla guerra in Ucraina

E' trascorsa quasi una settimana dall'inizio del conflitto tra Russia e Ucraina, Di seguito, riepiloghiamo quali sono state in questi giorni le 10 parole più usate per raccontare il conflitto

E’ trascorsa quasi una settimana dall’inizio del conflitto tra Russia e Ucraina, ma già si sono scritte pagine di storia e si è raccontato ciò che di intenso e tristemente doloroso è accaduto e potrebbe accadere in Ucraina e nel resto del mondo. Tra retorica e cronaca, sono state diverse le parole che sono state utilizzate per raccontare, dai diretti interessati e dai giornalisti, cosa sta succedendo a Kiev e nelle altre città ucraine invase dalla Russia.

Le 10 parole usate in questi giorni legate alla guerra in Ucraina

Di seguito, riepiloghiamo quali sono state in questi giorni le 10 parole più usate legate alla guerra in Ucraina.

Arruolare

Il verbo significa reclutare, chiamare alle armi dal francese enrôler, derivato da rôle ‘ruolo’ dal latino rotulu(m) ‘foglio arrotolato’, usato come registro. Il governo ucraino per resistere all’attacco russo ha chiesto di arruolarsi anche ai cittadini maschi civili. 

Bomba

E’ una delle parole più usate in ambito di guerra. Essa indica l’involucro metallico chiuso contenente esplosivo, con un dispositivo che lo fa scoppiare all’impatto col bersaglio o a un istante voluto o in una condizione prestabilita. In questi giorni sono cadute bombe sul distretto di Kiev e su Kharkiv; secondo Human Rights Watch, su quest’ultima città sarebbero state usate bombe a grappolo. Anche la città portuale ucraina di Mariupol è stata sotto continui bombardamenti russi.

Esercito

Indica il complesso delle forze armate di uno Stato, in particolare le forze terrestri. La parola deriva dal latino exercitu(m), participio passato del verbo exercēre, che in origine significava esercizio, poi esercizio militare. Gli eserciti in questo momento impegnati sul fronte di guerra sono due: quello russo e quello ucraino.

Esplosione

E’ la diretta conseguenza dello sgancio di una bomba. Molti giornalisti inviati di guerra in Ucraina raccontano di aver sentito durante il giorno forti esplosioni non lontane da Kiev. A Kharkiv, la seconda città dell’Ucraina, immagini diffuse dai social hanno mostrato l’esplosione di un razzo, una bomba o un missile in corrispondenza di un edificio identificato dal Kyiv Independent come la sede del governo regionale.

Fronte

Nel linguaggio bellico indica il settore delle operazioni di guerra. Un significato precedente del termine rimanda alla linea lungo la quale le forze belligeranti contrapposte si fronteggiano o sono a contatto. Oltre al fronte russo e quello ucraino, a scendere in guerra in un certo senso è stato anche il “fronte cyber”, con Anonymous e altri gruppi schierati con Kiev che stanno cercando di far saltare il sistema informatico russo e di hackerare siti e documenti ufficiali.

Guerra mondiale

Guerra a cui partecipano le maggiori potenze del mondo. La voce comparve per la prima volta sui giornali italiani nel 1914. Negli ultimi giorni si è parlato di ipotesi di terza guerra mondiale; in particolare lo ha fatto il Presidente degli Stati Uniti Biden, affermando che l’alternativa alle sanzioni verso la Russia sarebbe stata soltanto la terza guerra mondiale.  

Militare

Militare è un aggettivo derivato dal sostantivo latino milite(m) soldato. E’ uno degli aggettivi più usati in questi giorni, e in generale durante un conflitto.

Nucleare

Questo aggettivo è stato ripetuto più volte in questi giorni, affiancato a quelle che sono le parole più usate: si è parlato di ipotesi guerra nucleare per indicare l’eventualità di un conflitto in cui viene fatto uso delle armi nucleari; di potenze nucleari in riferimento a quegli Stati, come la Russia, che dispongono di esplosivi nucleari; infine si è parlato di deterrenza nucleare, in particolare lo ha fatto il presidente russo Putin avvisare le nazioni occidentali del possesso da parte del suo Paese di potenziale atomico al fine di dissuadere l’Occidente da un attacco armato in soccorso all’Ucraina.

Patriottismo

La parola deriva dalla voce dotta del latino tardo patriota(m), che è mutuata sul greco pátrios ‘dei padri, patrio’. La voce assume il significato di ‘amante della patria’ nel Settecento su modello del francese patriote. Esempio di patriottismo in questi giorni sono stati i cittadini ucraini che stanno resistendo all’invasione russa. L’orgoglio patriottico è anche quello manifestato in tutte le piazze del mondo da parte dei cittadini ucraini residenti all’estero.

Zona di guerra

Con questo termine si indica la zona dove si svolgono le operazioni belliche. sono diverse le zone di guerra su cui si sta combattendo in Ucraina: oltre che Kiev e Odessa anche città a occidente come Ivano-Frankivs sono state prese di mira dall’esercito russo, mentre truppe di terra sono giunte a Kakhovka e l’esercito ucraino ha affermato che si stanno svolgendo battaglie nelle aree intorno a Kharkiv a est e Kherson a sud.

 

© Riproduzione Riservata