Truman Capote, le frasi dell’autore di Colazione da Tiffany

Oggi ricorre l'anniversario della scomparsa dello scrittore americano Truman Capote. Ecco a voi una selezione dei suoi aforismi più celebri
Truman Capote, gli aforismi più noti

MILANO – Truman Capote è stato uno dei più apprezzati scrittori americani. Da molti è stato definito il pioniere delle ‘gossip’, erano molti, infatti, i personaggi dell’alta società che si litigavano la presenza di Truman Capote alle loro feste.  Ancora oggi è ricordato per la pubblicazione del romanzo – verità “A sangue freddo”. Oggi, per ricordare le sue taglienti parole, abbiamo selezionato alcune delle sue frasi più celebri.

“Io credo più nelle forbici che nella penna.”

“Si versano più lacrime sulle preghiere esaudite che su quelle inascoltate.”

“È una recessione quando il tuo vicino perde il lavoro; è una depressione quando tu perdi il tuo.”

“Devi molto a chiunque ti abbia mai dato fiducia.”

“Era molto divertente, all’inizio. Smise di esserlo quando scoprii la differenza fra scrivere bene e scrivere male. E poi feci una scoperta ancora più allarmante: la differenza fra un ottimo stile e la vera arte; sottile ma feroce.”

“Il fallimento è il condimento che dà al successo il suo sapore.”

“Non c’è niente di nuovo nel mondo, eccetto la storia che non conosci.”

“Venezia è come mangiare tutta in una volta una scatola di cioccolatini al liquore.”

 

 

© Riproduzione Riservata