Sei qui: Home » Libri » Autori » Seneca, 5 lezioni sulla vita ancora utili oggi
lezioni di vita di Seneca

Seneca, 5 lezioni sulla vita ancora utili oggi

Cosa ci insegna, ancora oggi, il grande filosofo Seneca? Scopriamo insieme alcune lezioni di vita da ricordare ogni giorno.

Seneca, di cui ricorre oggi l’anniversario di nascita, è considerato uno dei filosofi latini più importanti di sempre. Appartenente alla corrente dello Stoicismo, è uno di quei filosofi che, riletto a distanza di secoli, riesce ancora a donarci grandi lezioni di vita. In fondo, lo stesso Calvino, ha affermato che rileggere un classico nel presente, ci aiuta ad essere più analitici e ad acquisire uno sguardo più acuto. Dopo un anno e mezzo di pandemia, è giusto riflettere su alcune tematiche quali l’apprezzamento del nostro presente, l’importanza del tempo, i modelli da seguire nella vita e molto altro. Scopriamo insieme le riflessioni che, dopo aver letto e scoperto Seneca, possiamo fare sulla nostra vita.

 

Lavorare su ciò che possiamo ancora cambiare

Cosa ci insegna Seneca in questo anno di pandemia?
Lamentarsi di ciò che non possiamo cambiare è comprensibile, ma non efficace. Non possiamo cambiare il fatto che COVID-19 esista. Non possiamo cambiare il tempo, le occasioni e le giornate passate. Possiamo cambiare il modo in cui rispondiamo a tutto questo. Possiamo cambiare il nostro approccio. Perché su moltissime cose, non possiamo pretendere di avere sempre il controllo. Molto spesso le cose non dipendono da noi, come è successo nell’ultimo anno e mezzo, ma questo non significa che dobbiamo passivamente e negativamente subire ogni cosa. Sviluppare un nostro punto di vista e una nostra modalità di reazione, ci fa essere attivi, responsabili.  

Metti a frutto ogni minuto; sarai meno schiavo del futuro, se ti impadronirai del presente. Tra un rinvio e l’altro la vita se ne va.

Essere sicuri

Un modo per minimizzare la rabbia, sostiene Seneca, è quello di limitare le proprie preoccupazioni su ciò che si sa per certo. Se qualcuno vi dice qualcosa di brutto su una determinata persona, dovreste controllare se è vero prima di saltare a un giudizio affrettato. Allo stesso modo, se leggete qualcosa su internet o i social, chiedetevi prima “Sono sicuro di sapere questa cosa?” Se la risposta è “no”, allora non saltate alle conclusioni. 

“Il pigro è d’ostacolo a se stesso.”

Apprezzare il tempo

Il tempo è uno degli argomenti principali della filosofia stoica di Seneca. Questa tematica, forse, è quella che prende più spazio all’interno delle sue opere. La riflessione del filosofo Greco, tende a sottolineare l’importanza del tempo che abbiamo a disposizione, non considerandolo “breve”, bensì semplicemente “sprecato da noi esseri umani”.  

“Non è che abbiamo poco tempo da vivere, ma che ne sprechiamo molto. La vita è abbastanza lunga, e una quantità sufficientemente generosa ci è stata data per le più alte realizzazioni se fosse tutta ben investita… Così è: non ci è data una vita breve ma la rendiamo breve, e non siamo mal forniti ma spreconi di essa… La vita è lunga se sai come usarla”.

Il pensiero di Seneca va contro il pensiero popolare che “il tempo è breve”. Abbiamo abbastanza tempo per realizzare i nostri obiettivi e vivere una vita straordinaria, purché trattiamo il tempo come la nostra risorsa più preziosa.

“Gli uomini sono frugali nel custodire i loro beni personali; ma appena si tratta di sperperare il tempo sono i più spreconi nell’unica cosa in cui è giusto essere avari”.

A differenza del denaro che può essere sperperato e riguadagnato, il tempo è una risorsa preziosa che non possiamo mai riavere.

Scegliere dei modelli di vita

Ricordate che le persone che ammiriamo di più non hanno sempre fatto a modo loro. È la loro comprovata volontà, nel fare cose difficili per cause più grandi di loro, che li rende ispiratori.

“Perché siamo naturalmente disposti ad ammirare più di ogni altra cosa l’uomo che mostra forza d’animo nelle avversità”

Osserva Seneca.

Pensate alle persone che ammirate, che siano atleti, filosofi, scienziati, musicisti, attori, e chiedetevi: come avrebbero reagito nella mia situazione? Ponetevi dei modelli sani e perseguite insieme a loro i vostri obiettivi. 

Creare ricompense immediate per obiettivi a lungo termine

Il cercare di non rimanere le cose, è sempre legato al tema del tempo. Sappiamo che, proprio durante questo anno e mezzo di pandemia, il rischio del “procrastinare” è sempre dietro l’angolo. La mancanza di organizzazione, o semplicemente decisione e forza d’animo, ci rendono poi frustrati e insoddisfatti. Seneca afferma:

“Rimandare le cose è il più grande spreco della vita: ci strappa ogni giorno come viene, e ci nega il presente promettendo il futuro. Il più grande ostacolo alla vita è l’aspettativa”.

La ricerca ha dimostrato che la procrastinazione è un sottoprodotto della costante tensione tra il nostro bisogno di gratificazione a breve termine e i piani per obiettivi a lungo termine. Questo fenomeno è descritto come “Present Bias”. 

In poche parole, il vostro cervello immagina due versioni di noi stessi: il nostro sé presente e il sé futuro. Ogni volta che creiamo obiettivi e immaginiamo un futuro migliore, in realtà stiamo pianificando per il nostro futuro, che da valore alla disciplina e alle ricompense a lungo termine.
Ma quando arriva il momento di agire, il nostro sé presente, che apprezza la gratificazione a breve termine, combatte con il sé futuro. E il più delle volte vince.

Uno dei modi migliori per contrastare questo problema è rendere immediate le ricompense dei nostri obiettivi a lungo termine. Un esempio? Se sappiamo che dobbiamo studiare tot. pagine al giorno, una volta raggiunte, dovremmo imparare a “farci un regalo”. Abituarci, insomma, ad apprezzare le piccole – o grandi- azioni che portiamo avanti. 

 

© Riproduzione Riservata