Letture importanti

Perché è importante leggere libri che non ti piacciono

Scopriamo insieme tutti i motivi per cui è importante leggere anche i libri che non sono annoverati nella lista dei tuoi preferiti
Leggere libri che non piacciono

MILANO – Probabilmente ogni lettore ha un libro che proprio non sopporta, per l’argomento magari o per il periodo in cui l’ha letto. Ad ogni modo la lettura di quel testo gli è rimasta dentro e ha avuto effetti collaterali positivi non strettamente legati al piacere della storia che si stava leggendo. Ecco allora alcuni motivi, tratti da Bustle.com, sull’importanza di leggere anche quei libri che non rientrano tra i propri favoriti.

.

1) I libri che non ti piacciono potresti non odiarli del tutto in fin dei conti 

Vi abbiamo già detto più volte che l’esperienza della lettura di un libro può variare dalla vostra età o dal periodo in cui lo leggere. Vien da sé, quindi, che un libro che non vi era piaciuto vi potrà piacere ora che lo riprenderete in mano. Poi siete dei grandi amanti dei libri, non potrete mai odiare fino in fondo un libro. 

.

2) Sarai un lettore più informato, anche sulla letteratura che non ami 

Se volete essere dei lettori davvero forti, allora dovrete fare molto di più che rileggere Harry Potter per l’ennesima volta. Tal volta, è molto importante capire perché non ti piace un particolare libro per capire poi perché invece ne sei affascinata da un altro. Questo passa attraverso la lettura sincera anche dei libri che non ti piacciono. Quando sentirai parlare i tuoi amici di libri che solitamente non leggi e nonostante questo ne saprai tanto quanto i veri appassionati, farai sicuramente una bellissima figura. 

.

3) Potresti trovarti bene a confrontarti con delle idee diverse dalle tue 

Si tratta di un semplice fatto che viviamo in un mondo colmo di opinioni diverse e contrastanti ed è bene che sia così. Durante il corso della propria vita è importante confrontarsi con idee diverse delle proprie per crescere e imparare. Quindi, anche quando vi imbattete in un libro che veicola contenuti e opinioni diverse dalle vostre, non rinunciate alla sua lettura, ne uscirete senza dubbio arricchiti. 

.

4) La perseveranza è una cosa importante, dentro e fuori dalla pagina 

Nell’epoca di Twitter e dei 140 caratteri, di social network come snapchat che scompaiono dopo pochi secondi Snapchats che scompaiono dopo pochi secondi, e pulsanti  come il “defollow” che possono mettere fine a delle relazioni con un solo click, la perseveranza sembra sempre più un’arte in via di estinzione. La perseveranza ci vuole sia nella vita che nel leggere i libri. Quando si inizia un libro che magari non piace è importante riuscire a leggerlo fino alla fine. Questo risulta essere non solo un modo per rispettare il libro e il suo autore, ma anche un modo per abituarsi a finire ciò che si inizia. Nella vita è una qualità fondamentale. 

.

© Riproduzione Riservata
Commenti