Sei qui: Home » Libri » Autori » David Grossman, un libro per capire la guerra tra Israele e Palestina
Il conflitto

David Grossman, un libro per capire la guerra tra Israele e Palestina

Lunedì, dopo giorni di tensioni, sono ricominciati gli scontri tra Israele e la Striscia di Gaza. Una storia lunghissima che possiamo capire anche leggendo David Grossman.

La guerra che non si può vincere. Cronache dal conflitto tra israeliani e palestinesi” è un importante libro di David Grossman. Abbiamo pensato di proporvelo alla luce dei fatti che si stanno consumando da lunedì tra Israele e la Striscia di Gaza. Dopo giorni di tensioni, infatti, sono iniziati nuovi scontri armati con una violenza e un’intensità che ricordano la guerra del 2014.

Gli scontri iniziati lunedì

Le tensioni degli ultimi giorni sono culminate lunedì con l’intervento della polizia israeliana. A Gerusalemme la situazione era particolarmente tesa a causa delle manifestazioni nel quartiere Sheikh Jarrah contro lo sfratto di tre famiglie palestinesi. La popolazione di Sheikh Jarrah è in prevalenza palestinese ma il quartiere è considerato sacro anche dagli ebrei. I residenti palestinesi dell’area rischiano di essere allontanati dalle loro case a causa di una complessa lunga disputa legale sulla pertinenza del territorio. Dopo l’intervento armato israeliano che ha causato circa trecento feriti, per ritorsione, nel pomeriggio il gruppo politico-terrorista palestinese Hamas ha lanciato una decina di razzi verso la città di Gerusalemme. Sono seguiti da parte di Israele pesanti bombardamenti sulla Striscia di Gaza.

La questione israelo-palestinese

La questione israelo-palestinese nasce dalla contesa, tra i due popoli, della terra in cui vivono. La diplomazia internazionale lavora da anni con l’obiettivo di raggiungere un accordo di pace che metta fine al conflitto israelo-palestinese con la creazione di due stati che vivano fianco a fianco in pace e sicurezza, corrispondenti in linea di massima all’attuale stato d’Israele da una parte e a Cisgiordania e Striscia di Gaza dall’altra. A complicare la situazione è la questione Gerusalemme: città sacra per ebrei, cristiani e musulmani, che Israele considera propria capitale nonostante non sia riconosciuta a livello internazionale. Altra questione chiave da annoverare tra le cause del conflitto israelo-palestinese è la presenza di ampi insediamenti ebraici in Cisgiordania.

 

“La guerra che non si può vincere. Cronache dal conflitto tra israeliani e palestinesi”

Questo libro è una raccolta di scritti che David Grossman, nel corso degli anni ha sulle pagine dei più importanti quotidiani internazionali. Grossman racconta la tragedia di due popoli ormai abituati a vivere all’ombra della morte, pronti ad accogliere in ogni momento la notizia di un attentato, della perdita dei propri cari, dello scoppio di una nuova guerra: uno stato di conflitto così profondo e radicato nella vita quotidiana che nessuno sembra più in grado di uscire dalla terribile logica della vendetta. In una situazione che appare senza sbocchi, gli scritti di Grossman cercano di indicare ad arabi ed ebrei quella che sembra l’unica strada percorribile per raggiungere la pace: il dialogo, l’incontro, il riconoscimento del diritto dell’altro.

David Grossman

David Grossman è uno scrittore israeliano nato a Gerusalemme nel 1954. Tra i più significativi rappresentanti della scrittura israeliana, è noto per l’apertura delle sue posizioni liberali, la sua produzione è segnata in modo significativo dall’impegno politico, e si struttura su due piani: quello irreale e simbolico e quello strettamente legato all’attualità israeliana. Secondo una concezione dell’infanzia quale museo della memoria, ha privilegiato i bambini come protagonisti dei suoi romanzi coniugando, con finezza di mezzi espressivi e di invenzione, il registro realistico a quello fantastico-simbolico.

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata