“Libri per tutti” per stimolare la lettura nei bambini con difficoltà 

E' stata presentata alla Bologna Children's Book Fair il progetto editoriale volto alla valorizzazione della lettura e all’inclusione sociale nei bambini
Libri per tutti per stimolare la lettura nei bambini con difficoltà 

BOLOGNA – Conoscete la CAA? Fino a stamattina nemmeno io, poi ho avuto il piacere di partecipare alla presentazione del Progetto Libri per tutti un progetto editoriale volto alla valorizzazione della lettura e all’inclusione sociale basato proprio sulla CAA, ovvero sulla Comunicazione Aumentativa e Alternativa per favorire una lettura accessibile a tutti i bambini.

Il progetto, promosso dalla Fondazione Paideia,  vede la partecipazione di editori che hanno messo a disposizione opere del loro catalogo per la digitalizzazione: DeA Planeta Libri con il marchio De Agostini, GeMS – Gruppo editoriale Mauri Spagnol con le case editrici Salani e La Coccinella e i marchi Ape Junior e NordSud Edizioni, Giunti Editore e la Business Unit Ragazzi di Mondadori Libri con le case editrici Mondadori, Piemme e Rizzoli.

Ma cosa sono i Libri per tutti? Sono delle pubblicazioni digitali ed anche cartacee, spiega Anna Peiretti, responsabile della Bottega Editoriale di Paideia che si occupa proprio della conversione dei testi, che permettono una fruizione anche ai bambini con competenze di letto-scrittura ridotte o assenti (dai bambini con bisogni educativi complessi, ai lettori fragili, ai bambini non di lingua madre italiana). Ognuno dei testi permette sia la modalità tradizionale di lettura (per promuovere l’integrazione della lettura nelle classi tra lettori e lettori fragili che possono così leggere la stessa storia), sia una scrittura in simboli che può essere letta sua in modeling manuale, ovvero tappando ogni simbolo con il dito ed ascoltando la fonetica, sia automatico (i simboli si attivano in sequenza lineare e simultaneamente una voce narra la storia evidenziando il testo simbolo per simbolo per favorire l’apprendimento).

Tra le testimonianze dell’efficacia della CAA, toccanti le parole riportate a video della piccola Margherita (10 anni) “I simboli parlano”. Ogni libro contiene anche una sezione “Giochi” che offre al bambino possibilità creative con le parole appena apprese, rendendo il piccolo lettore artefice del linguaggio. I valori sottostanti al progetto sono assolutamente condivisibili: l’inclusione nella lettura di tutti i bambini con scarse competenze in letto-scrittura, la voglia di fare cultura aprendosi però ai bisogni di tutti, fare educazione ai bambini con bisogni complessi insieme ai loro compagni, usando le stesse storie.

Ad oggi è possibile la lettura dei Libri per tutti sul web reader di Scuolabook, a breve saranno disponibili anche esperienze di lettura in app e con fruizione offline. Interessante anche il lavoro che sta sotto al progetto, dal punto di vista dell’architettura del sistema e del design, che vede il confronto con i reali fruitori, anche attraverso un esperimento condotto insieme ad un gruppo di logopedisti di Torino su 60 bambini (con competenze di lettura normali e non) per comprendere meglio il processo di lettura di questi oggetti.

Rachele Bindi

 

© Riproduzione Riservata