Sei qui: Home » Libri » Autori » “L’abbraccio” di David Grossman, il libro che ci insegna la potenza di questo gesto
Giornata Mondiale dell'Abbraccio

“L’abbraccio” di David Grossman, il libro che ci insegna la potenza di questo gesto

“L’abbraccio” è un libro di David Grossman e illustrato da Michal Rovner pubblicato nel 2018, un gesto d’amore per i lettori

In occasione della Giornata Mondiale dell’Abbraccio del 21 gennaio, vogliamo proporvi un piccolo tesoro scritto da David Grossman e pubblicato da Mondadori nel 2018. “L’abbraccio” è un libro di pochissime pagine e accompagnato dalle leggere illustrazioni dell’artista Michal Rovner che racconta la potenza di questo gesto passando attraverso amore e solitudine.

“L’abbraccio”

Un breve, folgorante apologo sulla solitudine e sull’amore. Un bambino che si fa delle domande sulla solitudine e una madre che cerca di rispondere con il suo punto di vista da adulta e pieno di amore. “L’abbraccio” è un libricino di sole trentasei pagine, ma è così pieno di quelle parole, rade ma perfettamente associate, che sono in grado di stravolgere il modo di vedere la vita. Gli adulti leggendo questo libro tornano indietro a quelle domande dell’infanzia per poi ricrescere di colpo e rendersi conto dell’importanza dell’affetto nella vita. Il libro, elegante e raffinato, è quasi un dono di David Grossman ai suoi lettori, perché ne facciano a loro volta dono alle persone che amano.

Il potere terapeutico degli abbracci

Non è solo una questione affettiva e sentimentale, ma si tratta di evidenze scientifiche. Abbracciarsi fa bene a mente e corpo. Diversi studi hanno dimostrato come l’atto dell’abbraccio sia benefico per le persone e riesca, inoltre, a ridurre ansia e stress. Ma partiamo dall’inizio. Cos’è la prima cosa che avviene durante un abbraccio? Il contatto. Per abbracciarsi, due persone, si toccano. Ed è proprio questo contatto a fare la magia. Il tocco lento è quella situazione che si crea grazie alla stimolazione di un gruppo di nervi chiamati afferenti C-tattili che vengono stimolati da carezze e abbracci, e fanno in modo che il nostro corpo rilasci ossitocine ed endorfine e rallenti il battito cardiaco alleviando ansia e stress.

Chi sono i vincitori del World Photo Press Contest 2021

I vincitori del World Photo Press Contest 2021

Sono stati annunciati i vincitori dei World Press Photo Contest, l’Annual Photo Contest e il Digital Storytelling Contest.

 

Gli abbracci persi

Dopo due anni di pandemia, il numero di abbracci che abbiamo perso è indecifrabile. La lontananza fisica e psicologica causata dai vari lockdown, dall’isolamento e dalle norme di sicurezza anti Covid, ha sacrificato quell’aspetto più fisico dei nostri rapporti sociale. I baci e gli abbracci sono la cosa che ci manca di più. Stringerci le mani o avvolgere le spalle di una persona è qualcosa di cui tutti abbiamo sentito la mancanza. A dimostrazione di ciò c’è anche una foto, vincitrice del World Press Photo of the Year, che ritrae un’infermiera che abbraccia un’anziana paziente di una casa di riposo attraverso un telo di plastica. Un gesto che ritrae tutto ciò che abbiamo vissuto in questi ultimi due anni.

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata