Sei qui: Home » Libri » “La pecora elettrica”, incendiata per la seconda volta la libreria antifascista di Roma
Il rogo dei libri

“La pecora elettrica”, incendiata per la seconda volta la libreria antifascista di Roma

Chi si nasconde dietro l'incendio appiccato a "La pecora elettrica"? Chi ha paura dei libri?

Doveva riaprire domani, giovedì 7 novembre, la libreria La pecora elettrica, situa nel quartiere romano di Centocelle. Le sue serrande si erano abbassate il 25 aprile 2019, quando la libreria era stata devastata da un rogo a opera di ignoti. Ebbene, dopo un anno, dopo mesi di lavori e ricostruzione, a un giorno dalla sua nuova apertura, la libreria La pecora elettrica è stata nuovamente incendiata. Non ci sono più dubbi: qualcuno a Centocelle non vuole La pecora elettrica.

Chi c’è dietro l’incendio della Pecora Elettrica

Due incendi a distanza di un anno e tutte e due le volte in date simboliche, il 25 aprile, Festa della Liberazione, e il 5 novembre, la notte precedente l’inaugurazione del nuovo spazio. Le fiamme, che hanno invaso il locale la prima volta compromettendo l’impianto elettrico, distruggendo macchinari, arredo, e soprattutto i libri, sono tornate.

La libreria risorta dalle ceneri

Un cumulo di cenere e macerie, da cui la Libreria era risorta come un’araba fenice. Grazie alla solidarietà di amici e affezionati alla libreria, insieme a una campagna di crowdfunding, nel giro di un anno “La pecora elettrica” era risorta più bella e combattiva di prima. Oggi di tutto questo, non rimane quasi più niente. Solo una vetrina rotta e l’odore acre del fumo. Sul sito web della libreria era stato annunciata la nuova apertura:

Giovedì 7 novembre La Pecora Elettrica finalmente riapre. Sarà l’inizio di un nuovo viaggio, accompagnati da amici fidati e da una comunità che travalica i confini del quartiere e della città. Sarà una festa, un’occasione per rivederci tutti insieme, per conoscerci e riconoscerci, ricominciare a costruire progetti e condividere sogni.L’incendio del 25 aprile scorso è una ferita che non si cancella, un atto criminale a cui non sappiamo ancora dare una spiegazione, a maggior ragione dopo l’attentato incendiario subito da Cento55 Pinsa Romana proprio di fronte a La Pecora Elettrica.

Che cos’è la Pecora Elettrica

La Pecora Elettrica non è soltanto una libreria, ma un centro culturale, dove si parla di migranti, fascismo, di altri mondi e altre culture. Un spazio aperto a tutti, uno spazio di dialogo e confronto, nel segno del pluralismo e della tolleranza. Lì ci puoi trovare la narrativa contemporanea, ma anche i libri per bambini, con particolare attenzione ai cataloghi delle case editrici medio-piccole e indipendenti. Puoi sorseggiare una tazza di tè indiano, o una tisana biologica dal Sud Africa. Il profumo del Caffè dal Vesuvio, insieme agli effluvi di liquori e ai distillati dell’erboristeria Sarandrea di Collepardo, rendono la Pecora Elettrica un luogo davvero magico, dove libri, arte, cultura e sapori dal mondo si mescolano per dare vita a una libreria che è uno scrigno di tesori, un luogo «che offre la possibilità di sognare».

 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da La Pecora Elettrica (@libreria_lapecoraelettrica) in data:

 

© Riproduzione Riservata