Sei qui: Home » Libri » La luna di Kiev, la poesia di Rodari rivive in un libro illustrato e solidale
libri la leggere

La luna di Kiev, la poesia di Rodari rivive in un libro illustrato e solidale

“La luna di Kiev”, il libro illustrato edito da Einaudi Ragazzi è in vetta alle classifiche dal giorno in cui è uscito. Scopriamo qualcosa di più su questo fenomeno editoriale.

Uscito in tutte le librerie italiane lo scorso 12 aprile, “La luna di Kiev” è un libro tanto bello quanto lo è l’intenzione con cui è stato prodotto. In vetta alle classifiche da ormai due settimane, il libro è un autentico fenomeno editoriale. Scopriamo quindi qualcosa di più su “La luna di Kiev” e sulla sua storia.

“La luna di Kiev” e il desiderio di pace

Quasi 70 anni fa, Gianni Rodari pubblicava per la prima volta “Filastrocche in cielo e in terra”, una raccolta di filastrocche con cui l’autore si proponeva di arricchire il bagaglio culturale dei tanti bambini e ragazzini che si sono approcciati alla letteratura per l’infanzia grazie ai genitori, agli insegnanti o ad un’innata passione per la lettura.

La luna di Kiev” è, appunto, una delle preziose filastrocche contenute nella raccolta di Rodari. In essa, l’autore interpreta un tema caro a diversi poeti di tempi nuovi e antichi, rivolgendosi alla luna ma facendolo guardandola come la guarderebbe un bambino, curioso e un po’ ingenuo, ammaliato dalla bellezza del satellite naturale che illumina con il suo fulgore radioso i nostri passi e i nostri pensieri.

In particolare, la luna di Rodari è una luna che ci tiene a dimostrare come essa sia sempre una, sempre la stessa ad illuminare tutto il mondo, ad essere guardata al medesimo modo da tutti i bambini della terra, in qualunque parte di essa loro si trovino. La luna immortalata e personificata da Rodari, insomma, si fa portavoce di un messaggio di solidarietà e pace che interroga e commuove al tempo stesso.

La filastrocca e la guerra in Ucraina

Ultimamente, la filastrocca di Rodari che vede protagonista la luna è stata proposta e condivisa innumerevoli volte su tutti i social network poiché associata, per via del titolo e del suo contenuto, alla guerra fra Russia e Ucraina e al desiderio di pace che ognuno di noi sta alimentando ormai da tempo.

Si sa, la poesia aiuta ad esorcizzare le nostre paure e ad esprimere i nostri sentimenti più profondi. A maggior ragione, una filastrocca come “La luna di Kiev”, che è così bella e profonda nella sua semplicità, e tocca corde importanti come la solidarietà e la pace nel mondo, è stata capace di farsi strada nel cuore di molti lettori, grandi e piccini, in un momento in cui sentiamo il bisogno di armonia, di emozioni positive e di speranza.

L’edizione illustrata, un’iniziativa solidale

Dalla fama che ha acquisito la fortunata filastrocca di Gianni Rodari nell’ultimo periodo e dal suo essere in perfetta sintonia con gli eventi terribili cui stiamo assistendo che interessano l’Ucraina, è nata l’idea di ripubblicare, in un’edizione illustrata, “La luna di Kiev”.
Così, lo scorso 12 aprile, è stata pubblicata “La luna di Kiev”, ma in una splendida edizione illustrata che, sebbene sia stata pensata per i più giovani, è stata acquistata e sfogliata con piacere da moltissimi adulti.

Il volume, illustrato da Beatrice Alemagna ed edito da Einaudi Ragazzi, è nato dall’idea di voler sostenere economicamente il popolo ucraino, dal voler rendersi utili, ognuno nel proprio piccolo, per compiere un grande gesto di solidarietà che ridà speranza nel futuro e nella società.
Il ricavato delle vendite del libro, infatti, verrà interamente devoluto alla Croce Rossa Italiana, per far fronte all’emergenza in Ucraina e aiutare concretamente le famiglie sfollate che non hanno più di che vivere. E il fatto che “La luna di Kiev” sia in vetta alle classifiche ovunque fa pensare non solo che la filastrocca sia un meraviglioso capolavoro con cui Rodari sembra aver predetto un triste evento futuro, ma anche e soprattutto che, in fondo, una speranza c’è, ed è anche grande: moltissimi, fra noi, hanno scelto di acquistare il libro per aiutare il prossimo, realizzando quel desiderio di solidarietà che Rodari si augurava in “La luna di Kiev”.

© Riproduzione Riservata