Libri dei ragazzi

I classici della letteratura amati dai giovani

Ci sono classici della letteratura che i giovani d'oggi apprezzano particolarmente perchè affrontano tematiche ancora tanto attuali
I classici della letteratura amati dai giovani

MILANO – Chi pensa che i classici della letteratura abbiano una cattiva risonanza sui giovani sbaglia di grosso. Anche se è pur vero che in Italia le persone che si dedicano al piacere della lettura sono sempre più in calo soprattutto tra i giovani, è anche vero che i teenager appassionati non disdegnano affatto alcuni libri. Quando si parla di classici si tende a pensare ai libri che ci hanno costretto a leggere al liceo. Una serie di grandi opere letterarie che non sempre gli adolescenti hanno scelto di leggere secondo propria volontà. Nonostante questo le cose stanno progressivmente cambiando e nelle scuole viene data molta più autonomia ai ragazzi nei libri da leggere. Questo ha migliorato significativamente l’approccio alla letterura da parte dei giovani tanto che ci sono dei classici che tuttora i ragazzi leggono con piacere. Vediamo grazie a Bookriot di cosa si tratta.

1984, George Orwell

Leggendo il libro si resta inevitabilmente sorpresi di come Orwell aveva immaginato il futuro, soprattutto se la lettura è avvenuta almeno una decina di anni fa. La previsione futuristica di Orwell era accurata in molti aspetti e sebbene la vita nel 1984 non fosse come la realtà descritta nel libro, la vita di oggi si rivela incredibilmente vicina al libro più di quanto ci potessimo aspettare.

Il racconto dell’ ancella, Margaret Atwood

Nonostante i temi maturi del libro, questo si rivela perfetto per gli adolescenti di oggi soprattutto perchè sono politicamente coinvolti grazie anche alla serie ispirata al libro e che è stata trasmessa recentemente. La storia della serva risulta ancora più forte nel libro e gli adolescenti troveranno un’impostazione dispotica allo steso affascinante e orribile.

Nelle pietre del tempo, Madeleine L’Engle

Una protagonista femminile intelligente, avventure attraverso lo spazio e il tempo e una storia su una famiglia immensamente simpatica. A chi non piacerebbe leggere una storia simile? Con la versione cinematografica impostata per la pubblicazione nella primavera 2018, la storia mantiene la sua spettacolarità. Anche se il primo libro è il più conosciuto, è difficile smettere di leggere questa storia una volta iniziato.

Fahrenheit 451 by Ray Bradbury

Si tratta di un altro classico perfetto per l’attuale situazione politica. Bradbury racconta la storia di un mondo in cui libri e letteratura sono illegali, la televisione è fondamentale, e i libri sono bruciati da vigili del fuoco. Il titolo stesso si riferisce alla temperatura a cui la carta si brucia, secondo la storia. Quando Guy, un vigile del fuoco, inizia a mettere in discussione questa linea di pensiero grazie a un nuovo amico, cambia tutto e la storia prende un’altra piega. Bradbury è un maestro di fantascienza e scrittura distopica,un buon motivo per gli adolescenti per avvicinarsi alla lettura.

 L’occhio più azzurro, Toni Morrison

Subito dopo la Grande Depressione, una giovane ragazza di nome Pecola viene presa in giro perché considerata brutta. La ragione della sua cosiddetta bruttezza? I suoi capelli e la pelle scura. Lei crede che gli occhi azzurri la renderebbero carina, prendendo come esempio le bambole bianche con cui è cresciuta. Morrison esplora le storie dei genitori di Pecola, cresciuta in una comunità prevalentemente bianca e temi di razza, tra lotte di classe e razzismo. Anche se si tratta di un libro scritto quasi 50 anni fa, leggerlo oggi mette davanti una triste realtà ancora non del tutto scomparsa.

Il buio oltre la siepe, Harper Lee

Scout, Jem, Dill e Boo sono i tipi di personaggi che rimangono con voi a lungo anche dopo aver terminato la lettura del libro mentre e la scrittura evocativa di Leeha il potere di far catapulatre il lettore dentro la storia. Scout è un simpatico impertinente e la sua voce è immediatamente amabile, in questa storia tra giustizia e ingiustizia nel profondo Sud.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti