Sei qui: Home » Libri » Autori » Khaled Hosseini, “Tutelate le donne e le ragazze afghane”
l'appello

Khaled Hosseini, “Tutelate le donne e le ragazze afghane”

Di fronte a "scene che spezzano il cuore" provenienti dal Paese di nascita, lo scrittore Khaled Hosseini ha chiesto alla comunità internazionale di tutelare soprattutto oppositori e donne afghane

Tutelare le donne e le ragazze dell’Afghanistan. E’ questo il nuovo appello lanciato dallo scrittore afghano Khaled Hosseini e rivolto alla comunità internazionale. Intervistato dalla Cbs, l’autore de “Il cacciatore di Aquiloni” è preoccupato “per il popolo dell’Afghanistan e soprattutto per le donne e i bambini che hanno sofferto di più l’ultima volta che i Talebani sono stati al potere”.

Progresso minacciato

Dal 2006 ambasciatore di buona volontà dell’Unhcr, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, secondo Hosseini  “grandi progressi erano stati fatti negli ultimi vent’anni per le donne in Afghanistan: le donne erano tornate a lavorare e avevano occupato un quarto dei seggi del parlamento, erano in televisione, nel sistema sanitario, nell’istruzione, nella polizia”. Ora però “tutto questo è minacciato. Nessuno sa cosa riserva il futuro per l’Aghanistan”.

L’appello di Hosseini

Lo scrittore di “Mille splendidi soli” ha sollecitato Washington e i suoi alleati a “esercitare la legittima e appropriata pressione sui Talebani perché non violino i diritti essenziali dei cittadini afghani e specialmente delle donne e delle ragazze”. Proprio il romanzo sopracitato uscito nel 2008 ritrae gli ostacoli e i pericoli delle due protagoniste femminili “quando i Talebani prendono il potere” e “la vita diventa una disperata battaglia contro la fame, la brutalità e la paura”.

Le vere intenzioni dei talebani

In un’altra intervista rilasciata al Corriere, Hosseini ribadisce la sua preoccupazione per tutti coloro che in questi anni in Afghanistan si sono battuti per i diritti umani, in particolare “per le donne coraggiose, resilienti e resistenti che sono entrate in politica, che sono diventate capi di polizia, governatrici provinciali, sindaci, che hanno promosso la causa delle altre donne. E ancora, per le ragazze coraggiose che sono andate a scuola nonostante le minacce.” E i talebani?  “In questo momento, il mondo intero li sta guardando, ogni telecamera puntata su di loro. Ma cosa succederà quando l’opinione pubblica inevitabilmente rivolgerà il proprio sguardo altrove e l’Afghanistan non occuperà più le prime pagine? È allora che conosceremo davvero le loro intenzioni.”

Cosa può fare, quindi, la società civile davanti a tutto ciò? “Leggere libri di storia. Molte persone si sono affidate ai miei romanzi per avere un’idea di cosa sia l’Afghanistan, e tutto ciò mi onora e mi riempie di gioia. Ma la narrativa non basta per comprendere il mondo.”

 

 
© Riproduzione Riservata