E poi ci sono le persone…

Per il ritorno sul mio blog, avevo previsto un post differente. Grano d’aprile nasce per dar voce alla mia passione per i libri, scritti e letti. Magari anche da me. Eppure non posso fare a meno di cambiare rotta. E l’espressione non è casuale...

Per il ritorno sul mio blog, avevo previsto un post differente. Grano d’aprile nasce per dar voce alla mia passione per i libri, scritti e letti. Magari anche da me. Eppure non posso fare a meno di cambiare rotta. E l’espressione non è casuale.

La rotta può essere presa da chi parte verso un suo personale sogno. Una sua intima speranza. Una disperata voglia di vivere. La rotta è presa dalle navi, dai traghetti, che dovrebbero farti godere una vacanza. Una fuga temporanea e necessaria dalla quotidianità. Una quotidianità che magari ti sta un po’ stretta, ma non è poi così male.

E poi ci sono gommoni carichi di anime. Che magari sono anche poco più che gommoni, ma sono comunque pieni zeppi di anime. E poi ci sono persone. Che vanno incontro al buio della notte, che coincide spesso con il buio della vita. E ancor più di frequente con il nero del mare in tempesta.

Ebbene, non posso far ritorno qui. Parlare di libri, dire che i romanzi spesso e volentieri raccontano la vita. E far finta che quelle morti siano un contorno che sa solo di salsedine.

Chi la saprebbe veramente raccontare una tragedia? Chi, dico io, riuscirebbe per davvero a trovare le parole? Sono addolorata. Incapace di parlare, ancor più di scrivere. Chi sa dire che sapore ha, adesso, quel mare?

Vittoria Coppola


21 aprile 2015

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti