Sei qui: Home » Libri » Critici » De Bortoli e Della Loggia, “L’Europa assicura la pace”
LIBRI - Politica e cultura

De Bortoli e Della Loggia, “L’Europa assicura la pace”

I due personaggi si sono interrogati a Pordenonelegge su "Raccontare il mondo, commentare la politica: un buon uso pubblico della storia"

PORDENONE – Ferruccio de Bortoli ed Ernesto Galli Della Loggia, si sono interrogati a Pordenonelegge su “Raccontare il mondo, commentare la politica: un buon uso pubblico della storia”. Naturalmente si parla della storia recente e in particolare si inizia dalla constatazione che in Italia è mancata la costruzione di una grande forza socialdemocratica.

NOSTAGIA DEL PASSATO – La guerra fredda – dice Della Loggia è stato un lungo periodo di immobilità e di congelamento delle dinamiche politiche soprattutto da noi, a cui è seguito, nel resto d’Europa, un’accelerazione che ha portato un nuovo quadro politico”. “ In Italia c’è stato invece – continua – un lungo Non possumus, come una paura recondita, all’interno delle forze di sinistra, di un cambiamento troppo forte. Non dimentichiamo che il primo leader post – comunista, Massimo D’Alema, è diventato premier con i voti di Mastella.” “C’è sempre nella sinistra una sorta di nostalgia del passato: lo dimostra il successo del film di Veltroni su Berlinguer che ha suscitato una reazione emotiva fortissima”. Renzi? Renzi ha spazzato via quel che rimaneva del passato e dei vent’anni di opposizione al berlusconismo.

VENT’ANNI DI BERLUSCONI: UN TEMPO PERSO PER LA SINISTRA? – “Un ventennio – dice de Bortoli – sul quale gli storici daranno giudizi più obiettivi dei cronisti. Non è stato tempo perso, come dice Renzi, né da una parte, né dall’altra, ma si è trattato di una divisione artefatta con errori ideologici comuni , poi degenerata”. “All’inizio – spiega – Berlusconi ha proposto una rivoluzione liberale alla piccola e media imprenditoria che non aveva mai avuto rappresentanza. Il paese si è fidato e gli si è affidato. Poi invece è prevalsa l’attenzione al contingente e soprattutto, gravissima, la costruzione di leggi ad personam”.

IL PERICOLO – “Il pericolo oggi come allora, in Italia, è quello del trasformismo e di un calderone, Che si chiami Partito della Nazione o diversamente non importa, in cui rientra qualsiasi cosa”. “ Ci dovrebbe essere una dialettica costruttiva tra governo ed opposizione , la cui esistenza è una necessità della democrazia. Speriamo che la presenza di una sola Camera, grazie all’Italicum favorisca questo passaggio”.

LA DEBOLEZZA DELLA COMMISSIONE, LA FORZA DELL’EUROPA – Dall’Italia si passa alla crisi delle istituzioni europee: “Ci si dimentica – commenta de Bortoli – che grazie alla nascita dell’Europa c’è stato il più lungo periodo di pace della storia. Ne è simbolo la stretta di mano fra Mitterand e Kohl a suggellare il superamento dei conflitti tra i due paese e l’inizio di un ‘epoca nuova. “ Certo, ora si avverte un momento di stanchezza e la Commissione sembra contare meno degli accordi tra i governi. Ma i paesi che appaiono in diversa sintonia come Polonia e Ungheria appaiono caratterizzati da una perdita colossale della memoria. Perché le loro condizioni economiche senza Europa e sotto lo zoccolo comunista non erano certo quelle attuali. Ma l’opinione pubblica è più attenta ai problemi economici che ai diritti umani: c’è stata più attenzione al default della Grecia che alla politica xenofoba ungherese”. “ La perdita di rappresentatività della Commissione – conclude della Loggia- è avvenuta quando si è cominciato a parlare di confini, luoghi di incrocio dove a contare sono la forza militare e una politica estera unitaria che all’Europa ancora manca. Ma la prospettiva di un ritorno ai singoli stati è anacronistica”.

Alessandra Pavan

27 settembre 2015

Potrebbe interessarti anche:
Maria Elisabetta Alberti Casellati, chi è la nuova proposta per il Quirinale
Maria Elisabetta Alberti Casellati, chi è la nuova proposta per il Quirinale-1201-568

Sembra esserci una nuova favorita per l'elezione del Presidente della Repubblica. Scopriamo chi è Maria Elisabetta Alberti Casellati

E’ morto David Sassoli, presidente del Parlamento europeo
E' morto David Sassoli, presidente del Parlamento europeo

La vita di David Sassoli è stata dedita al giornalismo e alla politica, a cavallo fra Firenze, Roma e Bruxelles fino a diventare nel 2019 presidente dell'Europarlamento.

“The interpreter”, l’ultimo film di Sydney Pollack ricco di suspence
the-interpreter-ultimo-film-pollack-1201-568

"The interpreter" è un thriller politico del 2005 diretto dal grande regista Sydney Pollack prima di morire

Margaret Thatcher, la donna di ferro che ha segnato la storia
Margaret Tarcher: la donna di ferro che ha segnato la storia

Ricordiamo oggi Margaret Thatcher: prima ministra dell'Inghilterra, la donna di ferro che ha segnato la storia

Come decifrare il politichese, la guida alla comunicazione politica
Come decifrare il politichese, la guida alla comunicazione politica

Babbel ha creato un vademecum per comprendere alcune delle strategie comunicative più utilizzate in politica e quindi decifrare meglio i discorsi politici.

“Italia mia”, la poesia di Petrarca che celebra la Repubblica italiana
"Italia mia", la poesia di Petrarca che celebra la Repubblica italiana

"Italia mia, benché ‘l parlar sia indarno" è una canzone politica di Francesco Petrarca sull'unità nazionale contenuta nel Canzoniere.

© Riproduzione Riservata