Classifica libri più venduti. Nove su dieci sono italiani

Classifica all'italiana, nove titoli su dieci sono di autori nostrani. Due le novità: Maurizio de Giovanni e Massimo Recalcati
Classifica libri più venduti. Nove su dieci sono italiani

MILANO – La classifica dei libri più venduti di questa settimana è quasi tutta italiana: nove titoli su dieci sono di autori nostrani. Il podio è di tre grandi nomi, Carofiglio, De Giovanni e Gamberale. Nuovo ingresso in classifica per il filosofo Massimo Recalcati con le sue “lezioni sull’amore”. Michael Connelly è l’unico nome straniero, con “Doppia verità”.

1. La versione di Fenoglio, Gianrico Carofiglio

È la storia dell’amicizia tra Pietro Fenoglio, un vecchio carabiniere navigato, e Giulio, un giovane ventenne molto sensibile, intelligente e disorientato. Fra confidenze personali e il racconto di una formidabile esperienza investigativa, il romanzo a poco a poco si trasforma in riflessione sul metodo della conoscenza, sui concetti sfuggenti di verità e menzogna, sull’idea stessa del potere. La versione di Fenoglio è un manuale sull’arte d’indagare, nascosto tra le pagine di un romanzo avvincente, popolato da personaggi autentici: voci da una penombra in cui si mescolano buoni e cattivi, miserabili e giusti.

2. Le parole di Sara, Maurizio de Giovanni

Due donne si parlano con gli occhi. Conoscono il linguaggio del corpo e per loro la verità è scritta sulle facce degli altri. Entrambe hanno imparato a non sottovalutare le conseguenze dell’amore. Sara Morozzi l’ha capito molto presto, Teresa Pandolfi troppo tardi. Diverse come il giorno e la notte, sono cresciute insieme: colleghe, amiche, avversarie leali presso una delle più segrete unità dei Servizi. Per amore, Sara ha rinunciato a tutto, abbandonando un marito e un figlio che ha rivisto soltanto sul tavolo di un obitorio. Per non privarsi di nulla, Teresa ha rinunciato all’amore. Trent’anni dopo, Sara prova a uscire dalla solitudine in cui è sprofondata dalla scomparsa del suo compagno, mentre Teresa ha conquistato i vertici dell’unità. Ma questa volta ha commesso un errore: si è fatta ammaliare dagli occhi di Sergio, un giovane e fascinoso ricercatore. Così, quando il ragazzo sparisce senza lasciare traccia, non le resta che chiedere aiuto all’amica di un tempo. E Sara, la donna invisibile, torna sul campo. Insieme a lei ci sono il goffo ispettore Davide Pardo e Viola, ultima compagna del figlio, che da poco l’ha resa nonna, regalandole una nuova speranza.

 

3. L’isola dell’abbandono, Chiara Gamberale

Vi siete mai chiesti da cosa derivi l’espressione italiana “piantare in asso”? È un’espressione che ha origini lontane, più precisamente nasce dal mito greco di Teseo e Arianna. Secondo una delle tante versioni del mito, dopo essere stato liberato da Arianna dal labirinto del Minotauro di Creta, Teseo perse rapidamente interesse nella giovane figlia di re, e durante una pausa di navigazione presso l’isola di Nasso, salpò le ancore verso Atene senza di lei. Letteralmente, la piantò in Nasso, espressione poi trasformatasi in “piantare in asso”. Dialogando con uno dei miti greci più famosi di sempre, Chiara Gamberale traccia una storia “ipermoderna”, per usare una delle sue parole, che racconta di dolore e abbandono, ma anche di maternità, di amore, di scoperta di sé.

4. I tempi nuovi, Alessandro Robecchi

Uno studente modello ucciso con un colpo alla tempia e un uomo svanito nel nulla. Iniziano le indagini e le strade dei rudi e onesti sovrintendenti di polizia Carella e Ghezzi sono ancora una volta destinate a intersecarsi con quelle dei segugi dilettanti Carlo Monterossi e l’amico Oscar Falcone. È ancora Milano, questa volta quella fuori dalla prima cintura, la protagonista del romanzo di Robecchi, una metropoli avvelenata dai tempi nuovi a cui tutti si adeguano.

6. Conversazione su Tiresia, Andrea Camilleri

Indossando i panni di Tiresia, Andrea Camilleri ricostruisce, tra mito e forza narrativa, la figura dell’indovino attraverso i secoli, regalandoci un viaggio unico e prezioso attraverso il mondo del teatro, della comicità, della poesia e della filosofia.
LEGGI ANCHE: “Conversazione su Tiresia”, lo spettacolo di Camilleri arriva in TV

Il manuale si rivolge a coloro che intendono sostenere le prove per l’accesso ai Corsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità nella scuola secondaria di I e II grado. Viene offerta un’ampia trattazione di tutti gli argomenti oggetto delle prove selettive e una vasta gamma di test, strutturati sul modello delle prove ufficiali somministrate nei precedenti cicli di specializzazione. Nella trattazione teorica vengono affrontati tutti gli aspetti che concorrono a delineare il profilo del docente specializzato per le attività di sostegno, con approfondimenti relativi alla psicopedagogia dello sviluppo e rimandi puntuali alle metodologie e alle pratiche didattiche orientate all’inclusione. La classificazione delle problematiche psicopatologiche dell’età evolutiva tiene conto dei più recenti contributi offerti dalla manualistica internazionale ed è aggiornata alla V edizione del DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali). Il volume si compone di quattro parti: Parte I: Legislazione scolastica. Parte II: Competenze psico-pedagogiche e didattiche. Parte III: Conoscenza dei bisogni educativi speciali e delle disabilità. Parte IV: Strumenti esercitativi: con test a risposta multipla che ricalcano gli argomenti oggetto delle selezioni ufficiali, quesiti a risposta aperta oggetto della prova scritta e esempi di test ufficiali somministrati nelle ultime sessioni d’esame. Il manuale è aggiornato alle più recenti novità normative tra cui il D.Lgs. 13-4-2017, n. 66 e da ultimo la L. 30-12-2018, n. 145 (Legge Bilancio 2019). Il volume è, infine, arricchito di un software online con migliaia di quiz per la simulazione della prova d’esame e ulteriori materiali di approfondimento accessibili mediante il QR code inserito nel volume.

8. Doppia Verità, Michael Connelly

Dopo aver lasciato il dipartimento di polizia di Los Angeles, Harry Bosch cambia pagina e si dedica ai casi freddi per la polizia di San Fernando, una piccola area municipale dell’area di Los Angeles, dedicandosi alla ricerca di nuovi indizi di vecchi casi mai risolti. Quando però due farmacisti vengono uccisi, Bosch viene coinvolto nel caso.
Nel frattempo, però, il fantasma del dipartimento di polizia di Los Angeles torna a fargli visita: Preston Borders, omicida e stupratore che trent’anni fa Bosch assicurò al braccio della morte, ha presentato un ricorso. Il caso non è chiuso: a favore della sua innocenza ci sono nuove prove, e Bosch è nel mirino: avrà bisogno di Mickey Haller, il suo avvocato, per difendersi da accuse di incompetenza e inquinamento di prove, e dalle accuse di aver mandato in prigione l’uomo sbagliato. A meno che, nei nove giorni di tempo prima che Borders venga scarcerato, Bosch non riesca a smontare il nuovo caso, e trovare altre prove della colpevolezza del detenuto. Al detective, lasciato solo anche dai suoi ex colleghi, non resta così che lottare per far valere l’unica verità che conta. Sapendo che in ballo stavolta c’è il suo stesso onore.

Come può ripartire un percorso riformista per l’Italia? Come fare tesoro degli errori commessi e delle mosse vincenti in un racconto che rinnovi il senso di una sfida? Come disegnare il futuro opponendosi alle paure dilaganti? Matteo Renzi ha scelto di imboccare una nuova strada, a livello personale e politico, mantenendo lo stesso slancio che, dieci anni fa, lo ha portato a intraprendere un’avventura straordinaria. Questo libro nasce come tentativo di individuare alcune scelte di campo necessarie e urgenti, parole chiave che siano opzioni culturali, prima ancora che politiche, cantieri su cui rifondare una proposta per l’Italia dotata di un respiro e una visione più ampi di un tweet o di una diretta Facebook. Il progetto è all’insegna di un riformismo che sia radicale nei valori, parli del passato ma per offrire un orizzonte futuro, rilanci competenza e serietà affidandosi allo stesso tempo alle parole dei poeti. Si tratta di costruire luoghi in comune contro il prevalere dei luoghi comuni che hanno alimentato il mostro insaziabile del populismo.

10. Rien ne va plus, Antonio Manzini

Scompare, letteralmente nel nulla, un furgone portavalori. Era carico di quasi tre milioni, le entrate del casinò di Saint-Vincent. Le dichiarazioni di una delle guardie, lasciata stordita sul terreno, mettono in moto delle indagini. Ma secondo il vicequestore Rocco Schiavone c’è qualcosa che non quadra, qualcosa che sembra  collegarsi a un caso precedente che continua a rodergli dentro. Una complessità e una profondità che confermano che Antonio Manzini si proietta oltre il romanzo poliziesco, verso una più universale rappresentazione della vita sociale e soprattutto di quella psicologica e morale. Non è un personaggio facilmente dimenticabile Rocco Schiavone, con il suo modo contorto di essere appassionato, con il suo modo di soffrire e di chiedere affetto.

© Riproduzione Riservata