Tanti auguri alla scrittrice

Buon compleanno – 12 dicembre. Tanti auguri a Susanna Tamaro

Oggi il mondo delle lettere fa gli auguri a Susanna Tamaro, autrici di 'Va' dove ti porta il cuore'', successo letterario da oltre 15 milioni di copie vendute
Buon compleanno – 12 dicembre. Tanti auguri a Susanna Tamaro

MILANO – Oggi il mondo delle lettere fa gli auguri a Susanna Tamaro, nata il 12 dicembre 1957 a Trieste. La scrittrice italiana, che compie oggi 60 anni, ha esordito scrivendo romanzi per ragazzi, come per esempio ”Cuore di ciccia” e ”Va’ dove ti porta il cuore”, successo letterario da oltre 15 milioni di copie vendute.

.

La formazione

Susanna vive un’infanzia difficile, da cui però trae materiale narrativo per le sue opere, come ad esempio in “Ogni angelo è tremendo”, uscito nel 2013, su cui torna sugli anni trascorsi in solitudine da bambina, sulla figura distaccata del padre, perso nei suoi affari truffaldini, sulla madre anaffettiva. Dopo la separazione dei genitori, viene affidata insieme ai fratelli, Stefano e Lorenzo, alla nonna materna. Conclude gli studi magistrali nel 1976 e il suo alto profitto scolastico le fa ottenere una borsa di studio per frequentare il Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma, dove ottiene un diploma di regia. Inizia dunque a lavorare come aiuto regista di Salvatore Samperi, nel 1977 al film “Ernesto”, tratto dall’omonimo romanzo di Umberto Saba, e poi nel 1979 a “Liquirizia”. Nello stesso periodo inizia a lavorare come autrice per la televisione, curatrice e ideatrice di documentari e programmi scientifici.

 

Gli esordi letterari

Nel frattempo si dedica alla scrittura e nel 1981 conclude “Illmitz”, il suo primo romanzo, che nonostante l’apprezzamento di Claudio Magris resta inedito. Il suo esordio nel mondo delle lettere avviene nel 1989 con “La testa fra le nuvole”, cui segue nel 1991 “Per voce sola”, entrambi pubblicati da Marsilio: quest’ultimo richiama l’apprezzamento di Federico Fellini e Alberto Moravia. Ancora nel 1991 esce per Mondadori “Cuore di ciccia”, un romanzo per ragazzi, dopo di che segue un periodo di silenzio durante il quale l’autrice lavora a “Va’ dove ti porta il cuore”, il suo libro più famoso.

Và dove ti porta il cuore

Edito nel 1994 da Baldini Castoldi Dalai Editore, il libro è un romanzo epistolare che raccoglie le lettere scritte da una nonna, vicina alla morte, alla nipote da lei cresciuta, in partenza per l’America. Si svolge qui il racconto di una storia famigliare travagliata, segnata dall’ombra di una grave menzogna. Accolto freddamente dalla critica, il romanzo è stato un enorme successo di pubblico e si è trasformato in un vero e proprio caso letterario, vendendo oltre 15 milioni di copie in tutto il mondo. Dal libro è stato tratto l’omonimo film di Cristina Comencini del 1996, con Virna Lisi e Margherita Buy. Il 27 settembre del 2006 viene pubblicato ‘Ascolta la mia voce‘, seguito di ‘Va’ dove ti porta il cuore’. Il libro è di nuovo un successo internazionale, i suoi diritti sono venduti in più di dodici Paesi. Nel libro sono contenute dure prese di posizione contro l’eutanasia, l’aborto e l’ingegneria genetica sugli embrioni, la netta condanna del Sessantotto e delle ideologie che ha portato con sé. Nel 2008 esce il romanzo “Luisito. Una storia d’amore”.

 

Un cuore pensante

“Un cuore pensante” è il titolo dell’ultimo libro della scrittrice: edito da Bompiani, è la storia di una bambina diversa dalle altre che amava la solitudine, che si faceva molte domande e che sapeva sorprendersi della bellezza della natura. L’opera offre ai lettori un personale diario dell’anima della scrittrice triestina. Il cammino di fede, l’impatto con la morte e con il male, la questione dell’identità sessuale: tanti i temi con cui la Tamaro si confronta.

© Riproduzione Riservata
Commenti