LIBRI - Le recensioni dei lettori

”Attrazione di sangue” di Victory Storm, una storia d’amore originale tra un’adolescente ed un vampiro

Negli ultimi anni i Lettori si sono abituati a vedere la figura del vampiro non, come demone assassino e crudele ma, come una creatura che si vergogna e si disprezza per ciò che è...

Negli ultimi anni i Lettori si sono abituati a vedere la figura del vampiro non, come demone assassino e crudele ma, come una creatura che si vergogna e si disprezza per ciò che è. Riguardo a questo genere sono stati creati molti libri e film, molto distanti dall’idea e dal pensiero originale che aveva Bram Stoker a riguardo.

Questo libro, ‘Attrazione di sangue‘, che ho avuto l’onore di leggere, è il primo volume di una trilogia sensazionale! Per la prima volta, leggendo questo genere, non mi sono imbattuta in una protagonista debole e sottomessa, ma in una ragazza che sa quello che vuole, che non ha paura e che affronta le disavventure che le capitano con coraggio e determinazione. Oggigiorno siamo abituati a leggere libri sull’incontro tra un ragazzina timida e innamorata dell’idea dell’amore, con un vampiro pieno di sensi di colpa e rimorso. Leggiamo della loro storia d’amore, dei problemi che ha il vampiro ad accettarsi per l’assassino che è, e della cocciutaggine della ragazza di amare questo demone e del suo desiderio di trasformarsi anch’essa in vampiro. Finalmente qualcosa di diverso!

Questo libro, infatti, si basa sull’idea di cercare un modo per creare una nuova creatura, sia umana che vampiro, in grado di portare la pace tra le due razze. I nostri protagonisti, Vera e Blake, sono i prescelti. Vera è una ragazza di 17 anni che vive con la zia Cecilia, è affetta da un particolare tipo di anemia che la obbliga, una volta ogni tre settimane circa, a bere una dose di emodose, sangue prelevato dal sistema arterio-venoso di suini o bovini. La madre di Vera è morta nel darla alla luce e non si sa nulla dell’identità del padre. Vera vive una vita semplice, vive nella fattoria della zia con Ahmed, il loro amico tuttofare e saltuariamente riceve le visite di padre Dominick e padre August. La sua vita da adolescente cambia, non quando il ragazzo di cui si è infatuata le annuncia che sta per sposarsi, ma quando il cardinale Montagnard viene ucciso. Vera non capisce perché ciò la riguardi, fatto sta che è costretta a partire in tutta fretta assieme alla zia e a padre Dominick.

Durante il viaggio le viene rivelato che lei non è una semplice ragazza malata di anemia, ma la chiave per sconfiggere i vampiri. La zia, padre Dominick e padre August, fanno tutti parte dell’Ordine della Croce Insanguinata, gruppo che ha lo scopo di eliminare il problema ‘vampiro’ dal mondo, e per farlo, hanno bisogno di lei, o per lo meno del suo sangue. Sfortunatamente, Blake, il vampiro più forte che esista, rapisce Vera per ucciderla. Come vedete non è la solita storia sui vampiri buoni, Blake si ciba di sangue umano e, se Jack, il vampiro più anziano di tutti, non gli avesse proibito di uccidere Vera, Blake l’avrebbe eliminata al primo incontro. Invece, se la porta a casa, dove ha il compito di tenerla al sicuro fino a quando non scoprono in qual modo essa possa eliminare l’intera razza dei vampiri. Vera mostra fin da subito di avere una strana ascendenza su Blake, che si ritrova ad essere, allo stesso tempo, attratto e affamato da lei. E quando Vera viene ritrovata dall’Ordine e rinchiusa in una scuola/monastero, Blake sfida la sorte, andando a cercarla, fingendo di essere uno degli studenti.

La trama si infittisce e la scrittrice tesse la sua tela di misteri, passando abilmente da un evento all”altro della storia, senza mai perdere il filo conduttore. Mentre leggevo questo libro provavo quella strana sensazione che penso molti Lettori abbiamo provato prima di me. Provavo il desiderio ardente di sapere come sarebbe andata a finire, volevo conoscere la fine ma allo stesso tempo, volevo che il libro non finisse mai. Mi piace questa ventata di novità che il libro porta alla solita storia già sentita, più e più volte, sul tema ‘vampiri’. Quindi addio al vecchio modello di vampiro vegetariano e benvenuto Blake! Vampiro dall”animo cruento e oscuro che scoprirà di essere in grado di amare. Addio alla fanciulla in pericolo, timida e ossessionata dal suo amato e benvenuta Vera! Ragazza che ha il coraggio di sfidare un vampiro, di sfuggirgli più volte, di litigarci, di odiarlo e alla fine, capace di amare. Consiglio questo libro a chi ha voglia di qualcosa di nuovo, a chi vuole innamorarsi, e a chi avrà la pazienza di farsi travolgere da questa trilogia fantastica.

Claudia Bergamini

18 ottobre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti