Inizio dell'autunno

Gli aforismi più celebri dedicati all’autunno

Oggi inizia ufficialmente l'autunno. Sono tanti gli artisti e i personaggi letterari che hanno dedicato le loro opere a questa stagione
Gli aforismi più celebri dedicati all'autunno

MILANO -Oggi, 23 settembre, dobbiamo ufficialmente dire addio all’estate e dare il benvenuto all’autunno. Per celebrare il passaggio stagionale, come da nostra tradizione, abbiamo raccolto gli aforismi più celebri di scrittori famosi. Leggete e condividete. Se cercate un aforisma in particolare, invece, puoi visitare la sezione aforismi sul nostro sito. Se vi siete persi le citazioni letterarie più famose dedicate a questa stagione, potete cliccare qui.

 

‘Autunno mansueto, io mi posseggo | e piego alle tue acque a bermi il cielo, | fuga soave d’alberi e d’abissi.’

(Salvatore Quasimodo)

 

‘Come un sentiero d’autunno: appena è tutto spazzato, si copre nuovamente di foglie secche.’

(Franz Kafka)

 

‘Un libro di poesie è un autunno morto: i versi son le foglie nere sulla bianca terra, e la voce che li legge è il soffio del vento che li affonda nei cuori,intime distanze.’

(Federico Garcia Lorca)

 

‘L’autunno è la più mesta stagione dell’anno; il vespro è l’ora più mesta del giorno: in quella stagione, in quell’ora, il Sole si avvicina alla sua tomba magnifico a vedersi come il figlio primogenito del Creatore. Sul mezzogiorno egli tenne raccolti tutti i suoi raggi per vibrarli veementi a suscitare la natura; ma verso sera la vita è sparsa, la virtù diffusa, ed egli adesso si compiace a versare tutto il suo lume per l’emisfero che lo circonda. E la volta dei cieli, abbandonato il manto azzurro, s’indora della luce divina, in quella guisa che il secolo assorbe l’emanazioni della grande anima che lo ha dominato.’

(Francesco Domenico Guerrazzi)

 

‘A meno che un albero abbia mostrato i suoi fiori in primavera, sarà invano cercare i suoi frutti in autunno.’

(Walter Scott)

 

‘Rosso, porpora, giallo, mischiati al verde e marrone, anelo ai caldi colori dell’autunno, come una coperta a scaldare i mie sogni, le mie speranze per custodirli per tutto l’inverno. La primavera ne farà buon uno, perchè sboccino d’estate. A l’autunno, sapori che non so scordare, dolci e caldi preludi del prossimo inverno.’

(Stephen Littleword)

 

‘L’autunno porta con sé il ricordo di una stagione generosa, colori, sensazioni, profumi, raccolto, tutto parla della bellezza della terra, della meraviglia della natura.’

(Stephen Littleword)

 

‘Voglio un autunno rosso come l’amore, giallo come il sole ancora caldo nel cielo, arancione come i tramonti accesi al finire del giorno, porpora come i granelli d’uva da sgranocchiare. Voglio un autunno da scoprire, vivere, assaggiare.’

(Stephen Littleword)

 

‘Ormai è l’autunno, tutto torna a dormire, tutto scompare nella pace dell’inverno imminente. Anche i rumori vanno in letargo come ghiri nelle tane. Le case tacciono, ascoltano, sentono la neve depositarsi sui tetti. Quelle senza tetto la ricevono dentro i muri, sui solai, nelle cucine distrutte. La visita della dama bianca entra nel cuore delle case sgangherate. Il paese abbandonato guarda a tramonto con gli occhi malinconici delle finestre senza vetri, sospira adagio con la bocca delle porte sfondate. Era un bel paese, il nostro, adesso non c’è più.

(Mauro Corona)

 

L’autunno è la primavera dell’inverno.

(Henri de Toulouse Lautrec)

 

‘In autunno tutto ci ricorda il crepuscolo – e tuttavia, mi sembra la stagione più bella; volesse il cielo allora, quando io vivrò il mio crepuscolo, che ci fosse qualcuno che mi ami come io ho amato l’autunno.’

(Soren Kierkegaard)

 

‘Per l’uomo, l’autunno è tempo di raccolta, di raggruppare le cose. Per la natura, è un tempo di semina, di spargere attorno.’

(Edwin Way Teale)


© Riproduzione Riservata