Promozione della lettura

A Palermo la biblioteca di quartiere che promuove la lettura per i bambini

La biblioteca Giufà del quartiere Zen a Palermo è interamente dedicata alla promozione della lettura per bambini e ragazzi
A Palermo la libreria di quartiere che promuove la lettura per i bambini

MILANO – A Palermo nel quartiere Zen spicca una biblioteca di quartiere che è diventata fiore all’occhiello della città. È la biblioteca Giufà di via Fausto Coppi, interamente dedicata alla promozione della lettura per bambini e ragazzi.

Nata due anni fa, la biblioteca Giufà vanta un patrimonio librario veramente altissimo, che ammonta a più di 7mila volumi tra narrativa, enciclopedie, saggistica. Inoltre dispone di un’emeroteca con fumetti e riviste per un totale di 5mila volumi. L’ammontare dei testi è in continua crescita grazie alle donazioni di privati, di circa 3mila volumi l’anno.

La biblioteca è gestita dal Laboratorio Zen Insieme, con il supporto di Save The Children e dell’Istituto Treccani, ed è in breve tempo diventata un punto di riferimento per il quartiere. Oltre ai numerosi volumi disponibili al prestito, la biblioteca Giufà offre uno spazio lettura per i piccoli da 0 a 4 anni, e ogni pomeriggio offre un programma di laboratori di lettura per piccoli e grandi.

Leggi anche: Il bando per promuovere le biblioteche al Sud Italia

Le attività della biblioteca Giufà

Ci sono inoltre presentazioni di libri, dibatti su svariati temi legati all’educazione e alla formazione, incontri con esperti e autori. «Non si tratta mai solo di una biblioteca, ma di un presidio di democrazia e siamo orgogliosi dei traguardi finora raggiunti», dichiara la presidentessa di Zen Insieme Mariangela Di Giangi a Repubblica. «In questi anni abbiamo accolto tutta la città – dice Di Gangi – la nostra biblioteca non vive solo di libri, ma guarda al futuro». Oltre all’inserimento nei cataloghi Sbn, la biblioteca dello Zen è stata candidata dall’organizzazione internazionale no-profit IBBY, International Board on Book for Young people, come realtà di buona pratica per la promozione della lettura.

© Riproduzione Riservata