Sei qui: Home » Intrattenimento » “Mare Fuori”, i segreti di una serie tv di successo
La serie tv

“Mare Fuori”, i segreti di una serie tv di successo

Si è conclusa ieri la seconda stagione della serie tv "Mare fuori" con l'ultima puntata andata in onda su Rai 2

È andata in onda ieri sera su Rai 2 l’ultima puntata della seconda stagione – al termine della quale è stata annunciata la terza stagione -di “Mare Fuori“, la serie tv firmata Rai che racconta le vicende di un gruppo di ragazzi rinchiusi nell’Istituto di Pena Minorile (IPM) di Napoli. Una storia diversa dal solito che ha fatto riflettere sul disagio dei giovani.

“Mare fuori”, la trama 

Quattro giovani napoletani scontano la loro pena all’interno di un carcere minorile. Nel loro percorso vengono affiancati da Paola Vinci, la direttrice dell’Istituto, l’educatore Beppe e il comandante di polizia Massimo. Carmine Di Salvo e Filippo Ferrari vengono arrestati lo stesso giorno ma provengono da realtà completamente opposte: il primo appartiene ad una famiglia camorrista napoletana dalla quale vorrebbe solo scappare per costruirsi un futuro onesto con cui potersi riscattare, il secondo è un giovane e benestante pianista della Milano bene, in vacanza con gli amici nel capoluogo campano e in cerca di divertimento. Mentre Carmine viene coinvolto in un duro scontro con un membro di una gang rivale, Filippo partecipa a un folle gioco che finisce in tragedia.

La serie tv

“Mare fuori” è una fiction Rai del 2020 prodotta da Rai Fiction e Picomedia, divisa in due stagioni per un totale di 24 episodi. La prima stagione è stata diretta da Carmine Elia e la seconda da Milena Cocozza e Ivan Silvestrini. 

fedelta-serie-netflix-missiroli-1201-568

“Fedeltà”, la serie Netflix tratta dal romanzo di Marco Missiroli

La nuova serie Netflix “Fedeltà”, ispirata all’omonimo romanzo di Marco Missiroli del 2019, è in arrivo il 14 febbraio

 

Una storia di successo

L’esperimento attuato dalla Rai ha avuto un incredibile successo. Creare una fiction con volti giovani e nuovi – accompagnati da attori più conosciuti in un ruolo secondario – e una storia profondamente complessa e drammatica non dava certezze, invece “Mare fuori”, sia nella prima che nella seconda stagione, si è rivelata un capolavoro. Interpretazioni studiate che hanno regalato emozioni importanti e una colonna sonora (firmata da Stefano Lentini) che ha saputo sottolineare ogni sensazione, ogni momento catartico. La serie è un capolavoro che racconta i giovani e i loro errori, il loro disagio e i loro sentimenti. Giovani che hanno sbagliato e lo riconoscono. Una dimostrazione che la nuova generazione non è solo fumo.

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata