Sei qui: Home » Intrattenimento » L’amica geniale, al via a Firenze le riprese della terza stagione
il primo ciak

L’amica geniale, al via a Firenze le riprese della terza stagione

Fino al 20 febbraio a Firenze sono in programma le riprese per la terza stagione della serie tv "L'Amica geniale". Stavolta gli episodi saranno ispirati dal libro "Storia di chi fugge e di chi resta".

Iniziano le riprese per la terza stagione della serie tv “L’Amica geniale”, ispirata alla tetralogia di Elena Ferrante. Stavolta gli episodi saranno ispirati dal libro “Storia di chi fugge e di chi resta“.

La terza stagione de “L’amica geniale”

Per questi episodi alla regia ci sarà Daniele Luchetti che prende il posto di Saverio Costanzo. Prodotta Hbo-Rai Fiction, le riprese della serie si terranno a Firenze dal 1° al 20 di febbraio, per poi riprendere a settembre prossimo. A curare la scenografia sarà Giancarlo Basili, artista noto e pluripremiato ai Nastri d’Argento e ai Ciak d’Oro.

Per una delle due protagoniste, la napoletana Elena Greco (detta Lenù), la città toscana, dopo aver studiato a Pisa, rappresenta il primo luogo della vita coniugale dopo il matrimonio con un professore universitario.

L'Amica Geniale 2 in anteprima al cinema

L’Amica Geniale 2 in anteprima al cinema

Il 27, 28 e 29 gennaio i lettori di Libreriamo potranno utilizzare un coupon esclusivo per acquistare il biglietto al cinema a prezzo ridotto

La location per le riprese

Come set sono stati scelti alcuni luoghi simbolo di Firenze, come piazza della Signoria, piazza Santa Croce e piazza Santissima Annunziata, insieme ad altre location private. A questa prima parte di riprese ne seguirà una seconda, a settembre, che andrà a coinvolgere di nuovo Firenze e poi la Versilia. “Storia di chi fugge e di chi resta” sarà ambientata negli anni ’70. A curare la scenografia sarà Giancarlo Basili, artista noto e pluripremiato ai Nastri d’Argento e ai Ciak d’Oro. Le riprese avverranno il sostegno del Comune di Firenze e con la collaborazione di Toscana Film Commission.

La presenza del set a Firenze non solo genererà un incremento del cineturismo, ma porterà un indotto economico positivo per la città. Ciò grazie alle professionalità impiegate, le comparse scritturate, le società di servizi e le strutture ricettive coinvolte.

© Riproduzione Riservata