Sei qui: Home » Intrattenimento » Cinema » Jack Frost, quando il rapporto padre-figlio continua anche dopo la morte
film da vedere

Jack Frost, quando il rapporto padre-figlio continua anche dopo la morte

Jack Frost è uno di quei film capaci di immergerci nell'atmosfera natalizia, facendoci riscoprire l'importanza delle relazioni familiari

L’atmosfera del natale si avvicina…anche sul piccolo schermo. Stasera su La 5 alle 21:20 va in onda Jack Frost, film natalizio diretto da Troy Miller con Michael Keaton e Kelly Preston nei panni dei protagonisti.

Jack Frost, la trama

La famiglia Frost è unita, nonostante il lavoro conduca Jack lontano da casa anche per lunghi periodi: è musicista e con la sua band è impegnato nelle tournée, al termine delle quali ritrova gli affetti che per lui contano di più, la moglie Gabby e il figlioletto Charlie. Rifiutando di andare ad uno spettacolo con la sua band, Jack di ritorno verso casa ha un incidente d’auto e muore a causa di una tempesta di neve che riduce la visibilità. La moglie e il figlio devono inventarsi una nuova vita.

Un anno dopo, a Natale, nella cittadina ricoperta di neve, Charlie costruisce un pupazzo col quale, poco dopo, comincia a parlare. Il simpatico pupazzo di neve animato risponde con la voce di Jack, il quale capisce di essere misteriosamente tornato in vita sotto questo aspetto. Charlie ha ritrovato la presenza del padre, con lui si confida e da lui incoraggiato torna nella squadra di hockey della scuola.

Una commedia natalizia

Il film è uscito al cinema nel 1998 e ha incassato 34,5 milioni nel mercato statunitense. Jack Frost è uno di quei film capaci di immergerci nell’atmosfera natalizia, facendoci riscoprire l’importanza delle relazioni familiari ed il fatto che, anche quando scompaiono, i nostri cari resteranno sempre vicino a noi, accompagnandoci e sostenendoci nell’affrontare le sfide che ci attendono.

© Riproduzione Riservata