Sei qui: Home » Frasi » Il lavoro secondo San Francesco d’Assisi
La citazione del giorno

Il lavoro secondo San Francesco d’Assisi

Per iniziare la giornata oggi, vi proponiamo una frase di San Francesco d'Assisi per riflettere sull'importanza e il valore del lavoro nella vita di ognuno di noi.

Per iniziare la giornata oggi, Festa dei Lavoratori, vi proponiamo una frase di San Francesco d’Assisi per riflettere sull’importanza e il valore del lavoro nella vita di ognuno di noi.

Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista.

Francesco d’Assisi, vissuto nel 13° secolo, voleva ripercorrere la vita povera di Cristo e degli apostoli. Voleva, come loro, amare e capire la sofferenza dei miseri. Cercò di mettere in pratica i precetti del Vangelo e volle predicare l’amore per il prossimo. Fu seguito da molti compagni, insieme ai quali percorreva instancabilmente villaggi e città, diffondendo il messaggio di pace e di carità annunciato da Cristo.

La rivoluzione di Francesco d’Assisi

Figlio di un ricco mercante, da giovane, Francesco sognava di diventare cavaliere e dimostrare il suo valore in battaglia. Ma qualcosa accadde nel suo animo: una crisi religiosa lo portò alla conversione. Così, decise di vendere tutto e distribuire il ricavato ai poveri. Una scelta davvero rivoluzionaria, dal momento che la Chiesa non aveva, prima di allora, mai rinunciato ai suoi lussi e privilegi. Francesco volle farsi povero e dedicare la sua vita agli indigenti.

cantico

San Francesco d’Assisi, il primo poeta della letteratura italiana

“Il cantico delle Creature” è fra i primi componimenti poetici della lingua volgare e rappresenta la più famosa poesia religiosa di sempre . Dal nostro corrispondente Carlo Picca, il commento al testo

Il valore del lavoro per San Francesco

Egli e suoi compagni dormivano dove capitava, si vestivano di stracci e camminavano a piedi nudi. Proibì ai compagni di chiedere denaro in elemosina, per non rubare la parte che spettava ai poveri. Tutti i frati dovevano mantenersi lavorando con le proprie mani, aiutando i contadini nei campi. In cambio potevano accettare soltanto un po’ di cibo. Per San Francesco, il lavoro assume dunque un valore importante nell’avvicinamento a Dio e al prossimo. 

 

© Riproduzione Riservata