Fotografia d'autore

Arriva a Torino una mostra dedicata a Man Ray e alle sue muse ispiratrici

Man Ray è uno dei protagonisti, oltre che del Dada, di tutto il '900 e a lui e alle sue muse è dedicata una mostra a Torino con 200 scatti

MILANO – Protagonista assoluto delle stagioni dadaista prima e surrealista poi, il grande Man Ray è anche protagonista della mostra wo/MAN RAY. Le seduzioni della fotografia, visibile dal 17 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020 presso CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, Torino. Questa rassegna racchiuderà circa duecento fotografie, realizzate a partire dagli anni Venti fino alla morte dell’artista (nel 1976), tutte dedicate a un preciso soggetto, la donna, fonte di ispirazione primaria dell’intera sua poetica, proprio nella sua declinazione fotografica.

LEGGI ANCHE: Marcel Duchamp, il sovversivo e provocatorio inventore del Ready-Made

Man Ray: la fotografia e le muse in mostra

A comporre la mostra ci saranno alcune delle immagini che hanno fatto la storia della fotografia del XX secolo e che sono entrate nell’immaginario collettivo grazie alla capacità di Ray di reinventare non solo il linguaggio fotografico, ma anche la rappresentazione del corpo e del volto, i generi stessi del nudo e del ritratto.

Attraverso i suoi rayographs, le solarizzazioni, le doppie esposizioni, il corpo femminile è sottoposto così a una continua metamorfosi di forme e significati, divenendo di volta in volta forma astratta, oggetto di seduzione, memoria classica, ritratto realista, in una straordinaria, giocosa e raffinatissima riflessione sul tempo e sui modi della rappresentazione fotografica e non solo.

Man Ray. Resurrection des mannequins (Mannequin di André Masson. Mannequin with a bird cage over her head.), 1938/1966. Stampa vintage ai sali d’argento. Cm 43 x 33. Collezione privata, Parma © Man Ray Trust by SIAE 2019

Assistenti, muse ispiratrici, complici in diversi passi di questa avventura di vita e intellettuale sono state figure come quelle di Lee Miller, Berenice Abbott, Dora Maar, con la costante, ineludibile presenza di Juliet, la compagna di una vita a cui è dedicato lo strepitoso portfolio “The Fifty Faces of Juliet” dove si assiste alla sua straordinaria trasformazione in tante figure diverse, in un gioco di affetti e seduzioni, citazioni e provocazioni.

Man Ray. The Fifty Faces of Juliet, 1941/1943. Cm 39,5 x 34 x 2,7. Collezione privata. Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Man Ray Trust by SIAE 2019

Ma queste donne sono state, a loro volta, grandi artiste, e la mostra si concentrerà anche su questo aspetto, presentando un corpus di opere, riferite in particolare agli anni Trenta e Quaranta, vale a dire quelli della loro più diretta frequentazione con Man Ray e con l’ambiente dell’avanguardia dada e surrealista parigina.

Man Ray. Electricité, 1931. Portfolio di 10 rayografie. Cm 52 x 42 x 2. Courtesy Collezione Fondazione MAST © Man Ray Trust by SIAE 2019

Vere e proprie opere d’arte fotografica

In questa mostra quindi (curata da Walter Guadagnini e Giangavino Pazzola), resa possibile anche grazie al contributo di numerose istituzioni e gallerie nazionali e internazionali, il pubblico avrà modo di conoscere da vicino tutti i più grandi capolavori d’arte fotografica che hanno indelebilmente segnato la storia del ‘900.

Man Ray. Electricité, 1931. Portfolio di 10 rayografie. Cm 52 x 42 x 2. Courtesy Collezione Fondazione MAST © Man Ray Trust by SIAE 2019

In un sensazionale accostamento biografico e artistico, dove oltre ai capolavori di Ray, si sveleranno anche quelli delle sue muse, si potranno vedere esposti delle vere e proprie opere d’arte fotografica come i portfoli “Electricitè” (1931) e il rarissimo “Les mannequins. Résurrection des mannequins” (1938), testimonianza unica di uno degli eventi cruciali della storia del surrealismo e delle pratiche espositive del XX secolo.

LEGGI ANCHE: Elliott Erwitt, il fotografo narratore dallo stile ironico

© Riproduzione Riservata