Warhol Unlimited, il re del pop in mostra a Parigi

Una mostra dedicata al maestro della pop art, Andy Warhol, sarà allestita fino al 7 febbraio 2016 al Museo di Arte Moderna di Parigi.
Warhol Unlimited, il re del pop in mostra a Parigi
Warhol Unlimited, il re del pop in mostra a Parigi.Al Museée d'Art Moderne fino al 7 febbraio esposte 200 opere celebri che raccontano l'arte di Warhol

MILANO – “130 metri di follia”. Così è stata definita una delle opere protagoniste della mostra “Warhol Unlimited”, in corso al Museée d’Art Moderne di Parigi fino al 7 febbraio 2016. Shadow è un lavoro di Warhol mai uscito dagli Stati Uniti e adesso in esposizione nella capitale francese insieme ad altre 200 opere che valorizzano la dimensione seriale dell’arte di Warhol, un aspetto imprescindibile del suo lavoro e la sua capacità di ripensare i principi dell’esposizione. I visitatori potranno ammirare lavori celebri come le lattine Campbell, Marylin, Mao e molti altri soggetti immortalati dall’artista ed entrati di getto nel panorama culturale del mondo contemporaneo.

SHADOW – L’opera fondamentale della mostra copre più di 700 metri quadrati e 130 metri di lunghezza e rappresenta la più grande istallazione che l’artista pop americano abbia mai realizzato. Essa riproduce, su un fondo dipinto alternativamente in 17 colori diversi, due immagini serigrafate di un’ombra. Questo capolavoro rappresenta il cuore dell’esposizione e sarà affiancato da altre opere più vecchie dell’artista che metteranno in evidenza alcuni dei temi fondamentali della produzione di Warhol, quali la ripetizione e la variazione.

LEGGI ANCHE: Aste d’arte: Andy Warhol da record

WAROHOL, FIGLIO DEL SUO TEMPO – Un’esplosione di colori, di vitalità, di enigmi; Andy Warhol non smette mai di stupire né di stancare. La sua capacità di sconvolgere le convenzioni dell’arte, dalla concezione delle opere fino alla loro rappresentazione, è ormai nota a chiunque. Per comprendere il senso dell’esposizione del MaM di Parigi bisogna riflettere sulle condizioni reali e temporali in cui l’artista è vissuto. Un’epoca controversa che da un lato impone limiti e regole ma, dall’altro è portatrice di trasgressione e rinnovamento. E’ esattamente questo che coglie Andy Warhol e “Shadows”, opera che a molti è apparsa proprio espressione della follia maniacale dell’artista, impone al visitatore di riflettere proprio su queste due tendenze.

LEGGI ANCHE: In mostra a Prato un iter artistico da Lippi a Warhol

LEGGI ANCHE: Le 5 opere più amate di Andy Warhol

© Riproduzione Riservata