Arriva in libreria “Charlotte. La morte e la fanciulla”, dedicato alla figura di Charlotte Salomon, giovane artista ebrea scomparsa ad Auschwitz

Esce oggi in libreria “Charlotte. La morte e la fanciulla”, il libro di Bruno Pedretti incentrato sulla figura di Charlotte Salomon, giovane artista ebrea berlinese...

L’autore Bruno Pedretti pubblica per Skira il saggio su Charlotte Salomon, sulla sua arte e sul suo dramma umano, basandosi sul capolavoro “Vita? o Teatro”

 

MILANO –  Esce oggi in libreria “Charlotte. La morte e la fanciulla”, il libro di Bruno Pedretti incentrato sulla figura di Charlotte Salomon, giovane artista ebrea berlinese. Prima di essere travolta dall’uragano nazista Charlotte fece in tempo a raccontare in pittura la propria vita. Nata nel 1917 in una famiglia segnata da numerosi suicidi e vittima della follia razziale hitleriana, morì a soli ventisei anni, incinta di quattro mesi, in una camera a gas di Auschwitz.
 
“VITA? O TEATRO?” – Bruno Pedretti, docente all’Accademia di Architettura dell’Università della Svizzera italiana a Mendrisio, nonché autore di saggi su temi di arte, architettura ed estetica, approfondisce la figura di Charlotte Salomon, ispirandosi al suo capolavoro autobiografico “Vita? o Teatro?”. Si tratta di un’opera pittorica, teatrale e musicale, attraverso la quale Bruno Pedretti rintraccia nell’esperienza di Charlotte i segni di un dramma che travalica la storia e precipita come tragedia inappellabile. Carica del peso di un dramma familiare che va oltre il suo personale destino, Charlotte sfidò gli estremi del dolore e dell’offesa riscattandoli con l’arte, per lasciarci in eredità uno dei canti più alti del nostro tempo.
 
26 febbraio 2015
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata