Sei qui: Home » Arte » “The keeper council”, l’esperienza immersiva creata dalla National Gallery su Roblox
Realtà aumentata per riscoprire l'arte

“The keeper council”, l’esperienza immersiva creata dalla National Gallery su Roblox

Concepito dalla National Gallery di Londra e disponibile su Roblox, “The keeper council” è un’esperienza immersiva nel mondo dell’arte. Scopriamo subito di più!

The keeper council”, la nuova esperienza in realtà aumentata per addentrarsi nel mondo dell’arte in compagnia della National Gallery di Londra.

E se vi dicessimo che esiste una piattaforma dove è possibile esercitare la passione per l’arte, oltre che sperimentare e conoscere più da vicino il mestiere del curatore di mostre? È da quest’idea che nasce “The keeper council”, il progetto ideato dalla National Gallery in collaborazione con la piattaforma online gratuita Roblox.

Andiamo a scoprire più da vicino “The keeper council” e le premesse da cui il progetto ha avuto origine.

“The keeper council”

Nato per incoraggiare le connessioni con il mondo dell’arte, “The keeper council” è stato commissionato dalla National Gallery e da StoryFutures, in collaborazione con l’Università di Londra. “The keeper council” è una costola di StoryFutures China, un progetto di ricerca e sviluppo finanziato dall’“Arts and Humanities Research Council (AHRC)”.

Questa originale esperienza in realtà aumentata è soltanto una delle tappe concepite dalla National Gallery e dal suo team digitale ed educativo per far avvicinare i bambini al mondo dell’arte e, allo stesso tempo, valorizzare la collezione permanente della National Gallery attraverso esperienze totalizzanti ed immersive come “The keeper council”.

Ma entriamo nello specifico, e vediamo meglio di cosa si tratta. “The keeper council”, che verrà lanciato a breve sulla piattaforma online gratuita Roblox, è un gioco in realtà aumentata che si addice perfettamente alle esigenze dei singoli ma anche delle famiglie.

Grazie ai tools presenti su Roblox e alla configurazione ideata dal team di esperti della National Gallery, gli utenti potranno vivere il museo e le dinamiche interne ad esso, diventando loro stessi dei veri e propri “curatori d’arte” digitali, pronti a prendersi cura delle tele presenti alla National Gallery.

In “The keeper council” non mancano il divertimento e la competitività: infatti, i giocatori potranno gestire la propria collezione d’arte in modo da diventare sempre più esperti. Il livello base è quello del curatore apprendista. Man mano che si va avanti con “The keeper council” e le sue dinamiche, è possibile raggiungere persino il grado di “High keeper”, curatore esperto.

È già splendido così, non è vero? Ma c’è di più: per tutta la durata dell’esperienza di “The keeper council”, il personaggio del Curatore dei dipinti della National Gallery farà da mentore agli utenti, per permettere un’adesione ancora più minuziosa alla realtà.

Ma perché proprio Roblox? In effetti, la piattaforma online è già stata al centro delle attività di promozione culturale della National Gallery grazie a “The Keeper of Paintings and the Palette of Perception”, un’esperienza tuttora disponibile alla National Gallery che, sempre grazie alla realtà aumentata, accompagna i bambini nell’esplorazione dei dipinti del grande museo britannico.

Roblox

Roblox è una piattaforma online gratuita che si propone di connettere milioni di utenti attraverso modalità di gioco innovative, servendosi in particolare di esperienze immersive ed interattive, che attraverso la condivisione con l’altro diventano occasione di arricchimento e di espressione di sé.

Ogni giorno, come accade per “The keeper council”, milioni e milioni di persone, provenienti da ogni angolo del mondo, giocano, imparano, comunicano e allargano persino la loro rete di conoscenze e amicizie grazie alle milioni di esperienze fruibili gratuitamente su Roblox.

La piattaforma è estremamente sicura, in quanto applica rigidi filtri al fine di bloccare chat inappropriate e nelle impostazioni contiene una serie di opzioni atte a proteggere il proprio account e soprattutto quello dei bambini, grazie alla gamma di restrizioni presenti per i genitori e per i loro figli.

© Riproduzione Riservata