Mostre da non perdere

“Novecento privato. Da de Chirico a Vedova”, i Maestri delle avanguardie

Un omaggio all'universalità dell’arte, ma anche un riconoscimento ai grandi artisti italiani del XX secolo
mostra-de-chirico

Bottegantica, che oggi vivifica gli spazi che furono del Naviglio, propone “Novecento privato. Da de Chirico a Vedova”, dal 17 gennaio al 29 febbraio 2020. La mostra, che è a cura di Stefano Bosi, Valerio Mazzetti Rossi e Enzo Savoia, si avvale della consulenza scientifica di Fabio Benzi.

Le opere in mostra

Ad esservi proposto è un excursus attentissimo di opere. Che facendo fulcro sui decenni del Naviglio opportunamente si allarga alla prima metà del Secolo Breve, per ripercorrere i momenti più straordinari vissuti dall’arte e dalla cultura dal primo dopoguerra sino agli sviluppi del secondo: dal Futurismo alla Metafisica, dal Realismo Magico al Surrealismo.

Ritratto della sorella Elvira - Felice Casorati
Ritratto della sorella Elvira – Felice Casorati

“Il Novecento italiano, per metafora, è stato un oceano battuto da grandi onde. Battuto soprattutto dal perenne contrasto tra l’apologia della forma e il suo annullamento, specie a partire dagli anni Trenta. Protagonisti delle pagine più significative della storia dell’arte nazionale e internazionale sono una serie di Maestri d’avanguardia che hanno contribuito alle rivoluzioni artistiche del XX secolo, partecipando alla creazione di nuove forme e immagini, attraverso sperimentazioni e ricerche”, ricorda Stefano Bosi.

L'uomo oceanico di Arturo Martini
L’uomo oceanico di Arturo Martini

Novecento Privato. Da De Chirico a Vedova” rievoca autori e momenti fondamentali di quel secolo, scegliendo di attingere le trenta opere esposte, esclusivamente da due importati collezioni private. “Trenta opere che si legano fra loro in un dialogo appassionato, a formare idealmente una raccolta filologica dei principali fenomeni artistici italiani del secolo scorso. Una raccolta dal forte carattere meditativo e intimo, in cui è privilegiato il rapporto tra le opere e gli artisti che le hanno create”, anticipa Enzo Savoia.

Due figure di Campigli
Due figure di Campigli

Un viaggio nell’arte e nella storia

La sequenza è pensata come un viaggio cronologico e visivo, un racconto analitico e didattico che attraversa il nostro territorio culturale dal post-impressionismo alle avanguardie d’inizio secolo (il Futurismo di Marinetti, Boccioni, Balla, Severini), gli anni del primo conflitto mondiale, il dopoguerra e gli anni Venti (Savinio, De Chirico, De Pisis, Sironi, Casorati, Alberto Martini, Marini), l’affermazione del regime fascista e la seconda guerra mondiale (Carrà, Campigli, Arturo Martini, Prampolini, Pirandello, Guttuso, Manzù), il post-war tra le capitali europee e New York con l’affermazione dell’arte astratta (Fontana, Burri, Capogrossi, Vedova, Pomodoro).

Informazioni

Milano, Galleria Bottegantica, via Manzoni 45
Dal 17 gennaio al 29 febbraio 2020.
Orari: da martedì al sabato 10-13; 15-19.
Ingresso libero.
Visite guidate: su prenotazione, € 5 cad.
Gruppi compresi tra le 10 e le 20 persone

© Riproduzione Riservata