Da Monet a Renoir arriva ad Asti in mostra l’impressionismo

Monet, Renoir e la bellezza dell'impressionismo arrivano in mostra ad Asti con dipinti che raccontano della sua culla, ossia la Normandia
Da Monet a Renoir arriva ad Asti in mostra l'impressionismo
©Eugène Boudin Trouville, il molo con l’alta marea , 1888-1895 ca. Olio su tavola, 27x21,8 cm Collection Association Peindre en Normandie, Caen

MILANO – L’attimo fuggente immortalato sulla tela, la pittura en plein air, l’energia delle pennellate, il blu al posto del nero, avete capite di cosa stiamo parlando? Esatto, è l’Impressionismo, protagonista della mostra “Monet e gli impressionisti in Normandia. Capolavori dalla Collezione Peindre en Normandie” a Palazzo Mazzetti di Asti dal 13 settembre fino al 16 Febbraio 2020.

LEGGI ANCHE: Claude Monet, arriva la mostra immersiva dedicata all’Impressionismo

Da Monet a Renoir, gli impressionisti in mostra

Una mattina, siccome uno di noi era senza nero, si servì del blu: era nato l’impressionismo.” Questa famosa frase di Pierre Auguste Renoir incarna perfettamente l’essenza dell’impressionismo, un movimento che per la prima volta nella storia dell’arte vede liberare il quadro dalla cornice, il pittore dallo studio e il colore dalle false cromie (come appunto il nero che in natura non esiste), catapultandoli nel magnifico spettacolo della realtà della natura. La vitalità del colore, l’energia sprigionata sulla tela e l’attimo fuggente sono tutte caratteristiche di questa magnifica corrente artistica che si concretizzano nelle opere di artisti come Monet, Renoir, Delacroix e Courbet che, non a caso, sono proprio i pittori protagonisti della mostra “Monet e gli impressionisti in Normandia. Capolavori dalla Collezione Peindre en Normandie”, visibile a Palazzo Mazzetti di Asti fino al 16 Febbraio 2020.

LEGGI ANCHE: Le 10 opere d’arte ispirate all’estate

©Claude Monet Barche sulla spiaggia di Etretat , 1883 Olio su tela, 65×81 cm Fondation Bemberg, Toulouse

Gli umori del cielo, lo scintillio dell’acqua, le valli verdeggianti della Normandia, culla dell’Impressionismo, sono tutte caratteristiche che questi artisti sprigionano sulle loro tele, come ad esempio Falesie a Dieppe (1834) di Delacroix, La spiaggia a Trouville (1865) di Courbet, Camille sulla spiaggia (1870) e Barche sulla spiaggia di Étretat (1883) di Monet, Tramonto, veduta di Guernesey (1893) di Renoir che raccontano gli scambi, i confronti e le collaborazioni tra i più grandi pittori dell’epoca che hanno conferito alla Normandia l’immagine emblematica della felicità del dipingere.

LEGGI ANCHE: Grazie ad Airb&b si può affittare la casa di Monet

©Pierre Bonnard Il Bacino degli Yachts a Deauville , 1910 ca. Olio su tela, 40×49,3 cm Collection Association Peindre en Normandie, Caen

Grazie a Turner e Parkes…

Furono gli acquarellisti inglesi come Turner e Parkes che, attraversata la Manica per abbandonarsi allo studio di paesaggi, trasmisero la loro capacità di tradurre la verità e la vitalità naturale ai pittori francesi: gli inglesi parlano della Normandia, della sua luce, delle sue forme ricche che esaltano i sensi e l’esperienza visiva. Luoghi come Dieppe, l’estuario della Senna, Le Havre, la spiaggia di Trouville, il litorale da Honfleur a Deauville, il porto di Fécamp diventano fonte di espressioni artistiche di grande potenza, dove i microcosmi generati dal vento, dal mare e dalla bruma possiedono una personalità fisica, intensa ed espressiva, che i pittori francesi giungono ad afferrare dipingendo en plein air dando il via così al movimento impressionista.

Turner, J. M. W. – The Fighting Téméraire tugged to her last Berth to be broken

LEGGI ANCHE: Le storie d’amore più belle legate al mondo dell’arte

© Riproduzione Riservata