i nostri consigli

Le mostre per il week-end dell’8 e 9 ottobre

Ogni primo week-end del mese si entra gratuitamente nei musei, non perdere le mete a te più vicine

MILANO – Questo week-end del non perdere le mete a te più vicine. Eccovi alcuni consigli per trascorrere bene sabato e domenica fra arte, molto pop, e fotografia.  .

Al Palazzo Reale di Milano ha inaugurato la grande mostra dedicata ai tre artisti per eccellenza del “Mondo Fluttuante” (l’ukiyoe): Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Le antiche litografie portano ai nostri giorni il fascino dell’Oriente, l’altra versione dell’universo zen, un viaggio nel Mondo Fluttuante che all’etica del samurai contrappone il godimento di ogni singolo momento, il piacere e il divertimento in ogni sua forma.

E’ stata prorogata fino al 16 ottobre, alla Reggia di Venaria, la mostra ‘Il mondo di Steve McCurry’. Dato il grande successo che l’esposizione, con oltre 120 mila visitatori a fine agosto, ha avuto nei mesi estivi. Steve McCurry è uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea, un vero e proprio punto di riferimento per un larghissimo pubblico, soprattutto di giovani, che nelle sue fotografie riconoscono un modo di guardare il nostro tempo e, in un certo senso, “si riconoscono”.

Ultimo week end per ammirare la mostra al Mart di Rovereto dedicata al Divisionismo e al Futurismo. “I pittori della luce. Dal Divisionismo al Futurismo vanta 80 capolavori che rappresentano descrivono le origini e lo sviluppo del Divisionismo fino alla comparsa del Futurismo. Il percorso espositivo è un viaggio alla scoperta degli artisti che hanno scomposto il colore e sperimentato tutte le possibilità alla ricerca della luce. Questi artisti sono Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Vittore Grubicy de Dragon, Giuseppe Pelizza da Volpedo, per citarne solo alcuni.

Fino al 19 febbraio 2017 il Chiostro del Bramante di Roma ospita LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore, a cura di Danilo Eccher. Una novità assoluta e imperdibile nel panorama delle proposte culturali capitoline degli ultimi anni che si candida a riportare la città di Roma in linea agli stessi livelli delle più stimate realtà espositive internazionali. Per la prima volta saranno riuniti tra i più importanti artisti dell’arte contemporanea, come Yayoi Kusama, Tom Wesselmann, Andy Warhol, Robert Indiana, Gilbert & George, Francesco Vezzoli, Tracey Emin, Marc Quinn, Francesco Clemente

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Commenti