L'opera di Banksy

“Grazie supereroi”, l’omaggio di Banksy a medici e infermieri

L'artista inglese Banksy ha voluto lasciare con una sua opera un tributo al personale del servizio sanitario britannico
"Grazie supereroi", l'omaggio di Banksy a medici e infermieri

Un omaggio a medici e infermieri, eroi di questa pandemia.  L’artista inglese Banksy ha voluto lasciare con una sua opera un tributo al personale del servizio sanitario britannico, il cosiddetto Nhs, impegnati nella lotta al Coronavirus. Essi sono stati definiti “Game changer” dallo stesso artista britannico, sigla che da anche il nome all’opera che li omaggia.

Infermieri supereroi

L’opera di Banksy consiste in un disegno, grande circa un metro quadrato, posto vicino al pronto soccorso dell’ospedale di Southampton, Inghilterra meridionale, in accordo coi vertici dell’istituto. L’opera vede ritratto un bambino che gioca con alcuni supereroi. Fra questi, prende in mano un pupazzo con le sembianze di una infermiera e tanto di mascherina. Gli altri supereroi classici, invece, restano in un cestino. Un’opera che vuole comunicare l’eroismo mostrato dal personale sanitario nella pandemia che ha sconvolto il mondo.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

. . Game Changer

Un post condiviso da Banksy (@banksy) in data:

 

Il ringraziamento ai medici

“Grazie per tutto il lavoro che state facendo.” E’ questa la dedica che l’artista ha lasciato a medici e infermieri dell’ospedale. Banksy ha pubblicato la foto dell’opera sul suo profilo Instagram. L’artista inglese nel corso del ‘lockdown’ non ha mai smesso di creare, realizzando anche un graffito all’interno del suo bagno. Rappresentati con la sua solita irriverenza e tratto artistico, l’artista ha raffigurato dei ratti ritratti mentre si arrampicano su qualsiasi appiglio, inclinano pericolosamente lo specchio, srotolano la carta igienica, schiacciano il tubetto del dentifricio, e fanno pipì senza centrare il buco. Probabilmente  con questa sua opera l’artista voleva riferirsi al telelavoro forzato in cui si trova mezzo mondo da mesi a causa della pandemia.

© Riproduzione Riservata
Commenti