A Toledo

Gabriel Dawe, l’artista che riproduce l’arcobaleno in una stanza

L'opera dell'artista di origini messicane, intitolata "Plexus no. 35" è visitabile presso il Museo dell'arte di Toledo fino al 22 gennaio 2017
Gabriel Dawe, l'artista che riproduce l'arcobaleno in una stanza

MILANO – L’arcobaleno è un fenomeno ottico e meteorologico che produce uno spettro di luce nel cielo quando la luce del Sole attraversa le gocce d’acqua rimaste in sospensione dopo un temporale. Un fenomeno capace di meravigliare ed affascinare sia grandi sia bambini, e che un’artista di origine messicana, Gabriel Dawe, è riuscito a “catturare” e riprodurre anche negli ambienti chiusi di una stanza. Ecco come.

ARCOBALENO RIPRODOTTO – L’artista è riuscito a realizzare un arcobaleno con migliaia di filamenti di poliestere cucite singolarmente dal pavimento al soffitto, per creare uno spettro monumentale di colore, come un raggio fugace di luce. composto da 15 colori che rappresentano l’intero spettro della luce visibile. L’opera, intitolata “Plexus no. 35” è visitabile presso il Museo dell’arte di Toledo fino al 22 gennaio 2017.

Gabriel Dawe, l'artista che riproduce l'arcobaleno in una stanza

L’ARCOBALENO IN UNA STANZA – Come è possibile vedere dalle immagini, i fili colorati dell’arcobaleno sembrano dei veri e propri raggi di luce. Un’installazione artistica capace di riprodurre uno degli effetti naturali più stupefacenti, sculture tessili capaci di abbellire musei e spazi chiusi attraverso il colore e la suggestione che solo un caleidoscopio di colori come quelli dell’arcobaleno può dare, tipici degli spazi aperti e dei luoghi naturalistici.

Photocredits: Gabriel Dawe

© Riproduzione Riservata
Commenti