lutto nell'arte

E’ morta Lea Vergine, il giorno dopo la scomparsa del marito Enzo Mari

Esponente all’avanguardia nel panorama femminile della critica nel nostro Paese, è morta all’età di 82 anni la critica d'arte Lea Vergine
E' morta Lea Vergine, il giorno dopo la scomparsa del marito Enzo Mari

Esponente all’avanguardia nel panorama femminile della critica nel nostro Paese. È morta all’età di 82 anni, il giorno dopo la scomparsa del compagno di una vita Enzo Mari, la critica d’arte e curatrice Lea Vergine. Secondo quanto riporta Repubblica , la scomparsa è avvenuta per complicazioni legate al Covid al San Raffaele di Milano, dove era ricoverata proprio insieme al designer.

Il cordoglio di Franceschini

“Un giorno dopo la scomparsa del compagno di una vita, Enzo Mari, se ne va Lea Vergine. Un altro pilastro della cultura italiana viene a mancare, ma il suo lavoro nella critica d’arte e nella curatela di innumerevoli mostre lascia un segno profondo”. Lo ha detto il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, nell’apprendere della scomparsa di Lea Vergine.

Lea Vergine

Lea Vergine era scrittrice, critico d’arte e collaboratrice dei più importanti quotidiani italiani. E’ stata uno dei primi critici ad occuparsi della Body Art, pubblicando nel 1974 Il corpo come linguaggio, il libro che ha creato uno scandalo simile a quello delle opere che analizzava. Ha pubblicato vari altri libri sull’arte contemporanea. Ha collaborato sin dal 1973 con quotidiani come Il Manifesto e Il Corriere della Sera. Ha organizzato numerose mostre tra cui “L’altra metà dell’Avanguardia” (Milano, Roma, Stoccolma, 1980-1981), “L’ultima Avanguardia” (Milano, 1983-1984), “Geometrie dionisiache” (Milano, 1988). Nel 1990 è stata commissario per la Biennale di Venezia. Nel 1991 ha curato il convegno “Arte: utopia o regressione?” di San Marino. Nel 1996 ha organizzato alla Galleria d’Arte Moderna di Torino il convegno La scena del rischio e pubblicato il libro Arte in trincea.

Photocredits: Mario Gorni

© Riproduzione Riservata
Commenti