I disegni di Michelangelo Buonarroti in mostra a Torino

Dall'anatomia alla Cappella Sistina, arrivano in esclusiva alla Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli i disegni di Michelangelo Buonarroti

MILANO – Michelangelo Buonarroti è uno dei più grandi artisti di tutti i tempi e di lui ci rimane un patrimonio immenso. A questo proposito la Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli di Torino presenta fino al 21 luglio, la mostra “Michelangelo. Disegni da Casa Buonarroti”, in cui sono esposti disegni autografi di Michelangelo con studi per gli affreschi della volta della Cappella Sistina, studi di anatomia e studi di architettura, tutti provenienti da Casa Buonarroti, fondazione fiorentina che conserva, oltre all’archivio della famiglia, la più grande collezione al mondo di opere grafiche di Michelangelo.

LEGGI ANCHE: La Pietà Vaticana, l’opera massima dell’arte occidentale

Michelangelo Buonarroti, tra architettura e anatomia

Con la mostra “Michelangelo. Disegni da Casa Buonarroti”, la Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli prosegue la propria più che decennale ricerca sul panorama collezionistico nazionale e internazionale incontrando in Casa Buonarroti un’altra straordinaria esperienza di raccolta familiare resa disponibile alla fruizione pubblica.

michelangelo

La mostra che celebra il grande artista Michelangelo Buonarroti propone quindi accostamenti che restituiscono ai visitatori il senso del dialogo tra anatomia e architettura, essenziale nell’opera del Maestro, dando nel contempo modo di scoprire momenti della genesi degli affreschi della volta della Cappella Sistina. Con “Michelangelo. Disegni da Casa Buonarroti” i visitatori potranno in tal modo cogliere e approfondire la concezione michelangiolesca di organismo, in cui il tema della corporeità si intreccia con quello del progetto architettonico, nonché visitare una mostra in cui ammirare in via del tutto eccezionale queste opere, spesso non esposte al pubblico.

LEGGI ANCHE: Michelangelo Buonarroti, l’artista del sublime

michelangelo

Alla scoperta di Michelangelo

Il percorso espositivo mette in primo piano gli studi dedicati all’anatomia, potente espressione di un’analisi meticolosa e appassionata del corpo umano. Accanto ad essi due fogli preparatori degli affreschi della volta della Cappella Sistina, testimonianze eccezionali dell’ideazione dell’Adamo della Cacciata dal Paradiso Terrestre e di un particolare degli Ignudi. A confronto con questo nucleo, quattro splendidi disegni di studi per la facciata di San Lorenzo e per il vestibolo della Biblioteca Laurenziana.

michelangelo

LEGGI ANCHE: Michelangelo sotto una nuova luce, risplende la Sagrestia Nuova

Insieme ai disegni sarà presentato anche un piccolo torso virile in terracotta bianca, probabile copia cinquecentesca di un modello michelangiolesco perduto. La mostra racconta così il ruolo del disegno nella creazione artistica di Michelangelo, illustrando come questo fosse alla base di tutte le sue opere, dai dipinti alle sculture alle architetture. Dall’altro lato racconta anche la nascita e lo sviluppo di una collezione, quella di Casa Buonarroti, fondata proprio dagli eredi di Michelangelo e da sempre ubicata nel palazzo di via Ghibellina a Firenze.

michelangelo

 

© Riproduzione Riservata