Sei qui: Home » Arte » D°ESTATE Museo Novecento, la rassegna estiva del museo di Firenze
Il programma estivo del Museo del Novecento

D°ESTATE Museo Novecento, la rassegna estiva del museo di Firenze

Parte giovedì 17 la nuova edizione del programma estivo D°ESTATE Museo Novecento. Si parte con Massimiliano Fuksas

Inizia l’estate al Museo Novecento con la nuova programmazione intitolata D°ESTATE Museo Novecento, con una serie di concerti, lectures e proiezioni cinematografiche nel chiostro delle ex Leopoldine. Si comincia con Massimiliano Fuksas che inaugura il ciclo FUTURA. Che ne sarà di noi, degli altri, del pianeta, a cura di Sergio Risaliti. Capitolo IV è il titolo che l’architetto di origine lituane, tra i più celebri progettisti a livello mondiale, ha pensato per la lectio che si terrà giovedì 17 giugno alle ore 18.30. L’evento è gratuito fino ad esaurimento posti.

Il ciclo FUTURA. Che ne sarà di noi, degli altri, del pianeta

Il ciclo di incontri intitolati Futura, nasce con l’intento di chiedere a artisti, architetti, scrittori, scienziati, filosofi, psicologi, esponenti del mondo religiosa e della ricerca spirituale, economisti e imprenditori quale saranno le scelte da fare per affrontare il futuro e rimediare se possibile agli errori del passato. Quale cambiamento sarà possibile, quale responsabilità avremo di fronte alla madre terra e ai popoli. Possiamo parlare di nuovo umanesimo? Quale sarà il suo nuovo paradigma? Potremo ancora pensare l’uomo al centro dell’universo? Quale sarà il ruolo della donna nella gestione della geopolitica e del cambiamento? Quale sarà il destino delle moltitudini e dei poveri della terra? Che posto avrà il desiderio di bellezza?

Il commento di Massimiliano Fuksas

“Occorre un cambio di prospettiva per vivere nel terzo millennio e una riflessione profonda sulle trasformazioni che la pandemia ha portato. Le città del futuro non saranno più megalopoli ma centri diffusi, frammentati sul territorio con una rete digitale veloce e infrastrutture sostenibili” – sostiene Massimiliano Fuksas. “Innovazione e ricerca diventano il punto di partenza per la crescita ed il cambiamento per un’architettura più semplice e funzionale di cui l’uomo è sempre più il centro.”

Il commento del direttore del museo Sergio Risaliti

“Il tempo della pandemia, tempo dell’angoscia e della sofferenza, della malattia e della convalescenza, non è ancora terminato. Stiamo però vivendo il tempo della speranza e della rinascita” – commenta Sergio Risaliti, Direttore del Museo Novecento. – “La crisi sanitaria ed economica globale ha messo in luce le falle della globalizzazione, si è parlato allora di cambiamento, della necessità di rivedere i modelli di sviluppo e di sfruttamento, quelli di convivenza e di relazione, la mobilità e il turismo di massa, l’organizzazione sociale e quella sanitaria delle nostre città.  Pensare il futuro significa ripensare il passato; immaginare il futuro significa immaginare diversamente il passato.”

La collezione del Musée d’Orsay disponibile online gratis

La collezione del Musée d’Orsay disponibile online gratis

Un viaggio gratuito attraverso i tesori del Musée d’Orsay. Uno dei musei più belli del mondo apre le porte delle sue collezioni.

 

Lo studio Fuksas

Lo studio Fuksas, guidato da Massimiliano e Doriana Fuksas, è uno dei più affermati studi internazionali di architettura nel mondo.
Negli ultimi 40 anni lo studio ha sviluppato un approccio innovativo attraverso una sorprendente varietà di lavori, che spaziano da interventi urbani ad aeroporti, da musei e luoghi per la cultura a spazi per la musica, da centri congressi a uffici, da progetti di interni a collezioni di design.
Con sede a Roma, Parigi e Shenzhen e Dubai, e uno staff di 170 professionisti, lo studio ha all’attivo oltre 600 progetti ed ha realizzato opere in Europa, Africa, America, Asia e Australia, ricevendo numerosi riconoscimenti internazionali.

 

Futura si propone come un ciclo di incontri e un laboratorio del pensiero neo-umanistico che  ha un inizio e non prevede una fine. Come ha scritto Gilles Deleuze, non c’è modo di fare il  punto, serve invece tracciare delle linee, sperimentare traiettorie. 

 

© Riproduzione Riservata