Libri e arte

Cecilia Levy, la donna che trasforma le pagine dei libri in oggetti d’arte

Cecilia Levy trasforma i libri in oggetti delicati e originali, che sono stati esposti anche in importanti gallerie e musei
Cecilia Levy, la donna che trasforma le pagine dei libri in oggetti d'arteCecilia Levy, la donna che trasforma le pagine dei libri in oggetti d'arteCecilia Levy, la donna che trasforma le pagine dei libri in oggetti d'arte

MILANO – Qualcuno potrà pensare che si tratti di un terribile oltraggio utilizzare pagine di libri vecchi per creare oggetti e opere d’arte, eppure l’artista Cecilia Levy ne ha fatto la sua poetica, realizzando oggetti delicati, che possano continuare a raccontare storie, ma in una forma diversa.

 Dare una nuova vita ai libri

Trasformare le pagine di vecchi libri destinati al macero in oggetti comuni e di design è ciò che fa nel suo studio ad Uppsala l’artista svedese Cecilia Levy. Un tempo rilegatrice e graphic designer, oggi i suoi lavori sono esposti internazionalmente, perfino alla Swedish National Museum. Le sue sculture e istallazioni vengono create scegliendo prima il tipo di carta in modo che sia della giusta qualità e del giusto colore, che riporta magari anche segni che i proprietari precedenti hanno lasciato sulle pagine dei loro libri. L’artista nella fase di realizzazione si serve ovviamente di pagine di libri, ma anche di pasta di amido di grano, seguendo la tecnica della cartapesta.
Per Cecilia il libro, anche se trasformato, anche se destrutturato, può continuare a raccontare storie nella dimensione oggettuale.

© Riproduzione Riservata