Sei qui: Home » Arte » 5 festival e mostre da visitare il 25 e 26 giugno
Mostre da non perdere

5 festival e mostre da visitare il 25 e 26 giugno

Il fino settimana è arrivato. Scopriamo insieme 5 mostre da visitare in questi giorni nel nostro paese, da Nord a Sud.

Dal tema di comunità alle generazioni metropolitane, andiamo alla scoperta delle 5 mostre da visitare questo fine settimana da Nord a Sud dell’Italia.

5 festival e mostre da visitare il 25 e 26 giugno

“Together. Interact – interplay – interfere”, presso il Kunst Meran – Merano Arte di Merano

Il Kunst Meran è la sede della prima delle 5 mostre da visitare nel fine settimana. Inaugurata da pochissimo, “Together. Interact – interplay – interfere” sarà visitabile sino al 25 settembre prossimo. Il percorso pone al centro dell’attenzione dei visitatori il tema della comunità, tanto indagato negli ultimi anni – anche a seguito della pandemia e dei suoi risvolti sociali –.

Il concetto di comunità viene approfondito attraverso 3 sezioni diverse dedicate a vari aspetti della tematica, grazie alle opere multiformi di Adrian Piper, Anna Maria Maiolino, Ari Benjamin Meyers, Bart Heynen, Brave New Alps and Magari, Christian Niccoli, Daniel Spoerri, Francis Alÿs, Franz Erhard Walther, Hannes Egger, Isabell Kamp, Jivan Frenster, Karin Schmuck, Marina Abramović and Ulay, melanie bonajo, Norma Jeane, Officinadïdue, Rirkrit Tiravanija, SPIT!, Tania Bruguera e Yoko Ono.

“Persian spells. Sarvenaz Monzavi”, presso il Palazzo Stella di Genova

Il secondo suggerimento che vi diamo sulle 5 mostre da visitare questo fine settimana è “Persian spells. Sarvenaz Monzavi”, un’esposizione personale dell’artista iraniana Sarvenaz Monzavi, a cura di Flavia Motolese.

Monzavi intreccia nelle sue opere motivi tradizionali e visioni personali, ottenendo risultati interessanti e creativi, che con rappresentazioni colorate e stilizzate catturano gli occhi e le emozioni degli spettatori. Una mostra da non perdere, per guardare ad una cultura antica e ricchissima come quella persiana e perdersi nell’unione di forme e colore per raggiungere significati ancestrali e nuovi allo stesso tempo.

“Festa del Rinascimento”, presso il borgo di Acquasparta

Spostiamoci in Umbria per il terzo consiglio dedicato alle mostre da visitare questo fine settimana. Se vi trovate in Umbria, non potete non visitare il bellissimo borgo di Acquasparta, che per tutto il fine settimana ospiterà la “Festa del Rinascimento”.

L’evento storico che dà origine alla Festa è l’arrivo ad Acquasparta nel 1614 del Principe Federico Cesi II, detto il Linceo, e della sua famiglia, poco dopo il matrimonio con la nobile Artemisia Colonna. Cesi è una delle figure più importanti della cultura scientifica del ‘600: è lui il fondatore nel 1603 dell’Accademia dei Lincei, prima accademia di carattere eminentemente scientifico d’Europa. Fra i primi fautori in Italia a sostenere l’astronomia post-copernicana, Cesi è stato un grande studioso e ricercatore, soprattutto in botanica.

La festa, che si articola in diverse manifestazioni che coinvolgono l’intera città di Acquasparta, prevede 4 sfide con cui le contrade del borgo si sfidano per ottenere le chiavi della città. Caratteristico anche il Grande Corteo delle Contrade e gli spettacoli itineranti.

“Tauromaquias/Tauromachie 2.0. Sguardi contemporanei su un mito mediterraneo ancestrale”, presso la Galleria di FOQUS a Napoli

Quella che è stata inaugurata da pochissimo alla Galleria di FOQUS a Napoli è una mostra dedicata alla tauromachia, una tradizione che lega tutte le culture mediterranee. Con oltre 3000 anni di storia, la tauromachia si è trasformata insieme alle generazioni che si sono susseguite, fino a giungere alla sua ultima manifestazione, quella della corrida, che appare ormai fortemente anacronistica.

L’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Spagna in Italia e FOQUS Fondazione Quartieri Spagnoli presentano quindi “Tauromaquias 2.0”, una mostra in cui il fotografo spagnolo Aitor Lara e l’italiano Gianmaria De Luca condividono insieme alla regista Elettra Pierantoni una riflessione contemporanea su questo ancestrale mito mediterraneo.

“Cagliari Urbanfest – generazioni metropolitane”, presso la città di Cagliari

L’ultima delle 5 mostre da visitare questo fine settimana è costituita da un percorso sui generis. Si tratta di un’iniziativa diffusa in diversi quartieri di Cagliari. “L’arte urbana come mezzo di comunicazione in grado di trasformare luoghi e persone per aprire nuove prospettive anche professionali”. Questa è l’idea di fondo che ha portato l’Associazione Asteras a concepire ed organizzare la prima edizione del festival “Cagliari Urbanfest – Generazioni Metropolitane”.

Il festival è iniziato proprio in questo mese e terminerà ad ottobre prossimo. Cagliari, per l’occasione, si tingerà dei colori dell’arte, con la street art che raggiungerà anche i quartieri di Marina e Stampace. Il tutto verrà accompagnato da un dj set, da talk con gli artisti e mostre di arte contemporanea e murale, con la collaborazione del liceo artistico Foiso Fois e dell’Universita di Cagliari.

© Riproduzione Riservata