LIBRI - Dal 7 al 9 novembre 2014 a Chiari

Microeditoria Italiana, la rassegna che dà voce alla piccola e media editoria indipendente

La felicità ai tempi della crisi, oltre il PIL. Dal 7 al 9 novembre 2014 torna a Chiari (Brescia) la Rassegna della Microeditoria Italiana, il tradizionale appuntamento d’autunno con la piccola e media editoria indipendente

MILANO – La felicità ai tempi della crisi, oltre il PIL. Dal 7 al 9 novembre 2014 torna a Chiari (Brescia) la Rassegna della Microeditoria Italiana, il tradizionale appuntamento d’autunno con la piccola e media editoria indipendente del Belpaese. Tre giorni di cultura a tutto tondo con 100 editori provenienti da tutta la penisola e un cartellone di oltre 90 eventi tra presentazioni con gli autori, incontri con i Grandi Ospiti, reading, mostre, concerti e laboratori per i più piccoli.

 

CRESCITA SOCIALE – La Microeditoria compie 12 anni e si attesta un importante momento di cultura nel panorama lombardo e nazionale che per numeri e qualità, da alcune edizioni, ha superato l’analogo appuntamento di Pisa. “E la qualità, per noi, significa garantire un alto profilo dei microeditori che espongono – spiega Daniela Mena, direttore artistico dell’evento – ma implica anche un’incessante opera di coinvolgimento del territorio e della sua gente, nell’ottica di una crescita culturale che non sia fine a se stessa, ma utile al tessuto sociale.”

I LUOGHI STORICI – Organizzata dall’Associazione Culturale L’Impronta in collaborazione con il Comune di Chiari, la rassegna si confe rma un’esperienza culturale eterogenea e diffusa sul territorio che riempie di contenuti luoghi di importanza storica come Villa Mazzotti, lo splendido edificio in stile liberty, da sempre sfondo privilegiato della manifestazione, a cui quest’anno si aggiunge il centro storico dove saranno proposti nuovi appuntamenti. ‘La Microeditoria, così come gli eventi e le iniziative culturali che vedono impegnata l’associazione, propongono spesso temi legati alla situazione attuale, alle problematiche emergenti della nostra società, perché si vuole sottolineare come la cultura sia un importante strumento utile al vivere quotidiano’ – spiega il Presidente Gianni Rocco.

LA FELICITA’ OLTRE IL PIL – Tema della XII edizione: la Felicità, oltre il PIL far crescere la Felicità Interna Lorda, un nuovo possibile indicatore del benessere di un Paese che va oltre la produttività e il consumismo per riflettere sul miglioramento del benessere umano, che oltrepassa il tradizionale concetto della produzione industriale e tiene conto del rendimento ecologico e della capacità della natura a fornire i servizi, nonché di parametri diversi da quelli economici per determinare la sensazione di “stare bene” dei cittadini come ad esempio istruzione, salute e offerta culturale. Parametri che, ai tempi della crisi, acquisiscono un nuovo significato e si collocano in una posizione primaria sulla scala dei valori dell’individuo. Del resto già Robert Kennedy, nel celeberrimo discorso che tenne in Università nel marzo del 1968 sottolineava che “Il Pil non misura né la nostra arguzia, né il nostro coraggio, né la nostra saggezza, né la nostra conoscenza, né la nostra compassione, né la devozione al nostro Paese. Misura tutto, in poche parole, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta”.

 

I PROTAGONISTI PRINCIPALI – Alla Microeditoria 2014 il tema, che traduce un’urgenza contemporanea, verrà analizzato da molteplici punti di vista che spaziano: dall’economia all’arte, al divertimento – con il comico Paolo Hendel; dalle prospettive dell’abitare sostenibile alla riflessione su salute e ambiente che sarà stimolata dall’incontro  con il meteorologo e climatologo Luca Mercalli, presenza fissa a “Che tempo che fa”, che alla Microeditoria discuterà con Marino Ruzzenenti – il primo a denunciare la questione “Caffaro” nonché scrittore e curatore di ambientebrescia.itpartendo dalla sua recente pubblicazione, che suona quasi come un monito, intitolata “Prepariamoci” e sottotitolata “a vivere in un mondo con meno risorse, meno energia, meno abbondanza…e forse più felicità’.

 

COME VIVERE FELICI – Vivere felici è possibile anche nei piccoli Comuni d’Italia come dimostra il caso di Iseo (cittadina lacustre di 9.000 abitanti affacciata sulle rive del lago omonimo) al 6° posto della classifica del Centro Studi Sintesi. A parlarne alla Microeditoria, nel pomeriggio di sabato 8 novembre, il Sindaco Riccardo Venchiarutti. La felicità anche come obiettivo realisticamente perseguibile sin da piccoli attraverso la scuola è l’interrogativo al quale cercherà di dare una risposta l’incontro di sabato pomeriggio con le testimonianze di maestri e responsabili di scuole Montessoriane, Steineriane e Metodo Waldorf.

 

L’INSEGNAMENTO DELLO SPORT E LA LEGALITA’ – Dall’educazione scolastica alla smart city, la città “a misura di cittadino” nell’incontro di domenica alle 10.30 dedicato al progetto che sta mettendo in atto il Comune di Brescia. Salute e sport sono i temi che verranno toccati nell’incontro con Pierluigi Marzorati storico giocatore della Pallacanestro Cantù, oggi dirigente CONI e nel ricordo del mitico Gino Bartali. Lo sport insegna a vivere insieme seguendo delle regole condivise, ma l’Italia purtroppo vive fenomeni di illegalità diffusa che va combattuta anche con la testimonianza di chi la combatte: venerdì sera Luciano Bertoli, con il suo monologo su Falcone e Borsellino, e Federica Angeli, giornalista di Repubblica sotto scorta, insieme a Giuseppe Giuffrida di Libera presentano “l’ora di legalità”. Beppe Lopez invece racconterà “Indecenti! Dizionario degli orrori della vita pubblica in Italia”.

 

OSPITI D’ECCEZIONE – Anche quest’anno la Rassegna della Microeditoria sarà contraddistinta da una proposta artistica e culturale sempre più ricca ed eterogenea che vanta la presenza di ospiti d’eccezione. Oltre ai già citati, quest’anno in Rassegna ritroviamo Andrea De Carlo, che dopo la felice esperienza dello scorso anno,  torna questa volta in veste di “giudice”, per intervistare Nikola Savic , vincitore di Masterpiece e promessa della letteratura. Ad arricchire il calendario degli appuntamenti da non perdere l’incontro ”Da Braccio di Ferro a Provolino, il fumetto umoristico italiano dimenticato di Salvatore Giordano” con i tre principali, più prolifici e conosciuti disegnatori dei fumetti umoristici in Italia degli anni ‘70-‘80: Alberto Motta, Sandro Dossi (già collaboratore della Walt Disney) e Pier Luigi Sangalli (disegnatore di Provolino e di Braccio di Ferro).

23 ottobre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti